13.4 C
Torino
martedì, 13 Aprile 2021

Processo Baita No Tav: “Disobbedienza civile è l'esercizio di un diritto. La Procura ha sbagliato”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«E’ stato un gesto di disobbedienza civile che si configura come esercizio di un diritto». Con queste parole l’avvocato Roberto Lamacchia ha definito la violazione dei sigilli della Baita Clarea in Val di Susa.
Ventuno gli imputati per il mancato rispetto del sequestro giudiziario, tra cui Beppe Grillo. Gli avvocati difensori sono convinti che la Procura di Torino abbia sbagliato a contestare il reato in questione per le manifestazioni che si svolgevano nel presidio No Tav: «Al massimo si tratta di una inosservanza di un provvedimento dell’autorità, che e’ punita con una contravvenzione».
l’avvocato Gianluca Vitale ha poi chiesto l’assoluzione di Alberto Perino, leader storico del movimento che si oppone alla Torino-Lione perché ha manifestato «esercitando un diritto e mettendoci la faccia, una condotta che in un’aula di giustizia dovrebbe essere apprezzata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano