18.2 C
Torino
venerdì, 14 Agosto 2020

Smat presenta la prima ricerca italiana sull’’impatto dei cambiamenti climatici sulle risorse idriche

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La capacità di adattamento ai cambiamenti climatici è una delle sfide più importanti che i gestori del servizio idrico integrato dovranno affrontare nel prossimo futuro. Ecco perché venerdì 12 aprile al Centro Ricerche Smat è stata presentata la prima ricerca italiana sulla vulnerabilità delle risorse idriche ai cambiamenti climatici dell’area metropolitana torinese.

Uno studio avviato nel 2016 da Smat in collaborazione con CNR-IGG, Politecnico di Torino, Arpa Piemonte, Società Metereologica italiana e Regione Piemonte e che ha permesso di valutare, sul territorio servito da Smat e con un orizzonte temporale che si spinge fino al 2050, la vulnerabilità ai cambiamenti climatici. Infatti, disponibilità e qualità dell’acqua sono necessariamente influenzate dalla vulnerabilità dei cambiamenti climatici e questa nuova forma di criticità si impatta anche nella gestione della richiesta di acqua potabile oltre che sui sistemi infrastrutturali nel loro complesso.

- Advertisement -

Ad esporre i risultati della ricerca sono stati il professor Antonello Provenzale del CNR -IGG, il professor Stefano Ferraris del DIST e la dottoressa Elisa Brussolo, ricercatrice Smat che hanno analizzato la relazione tra precipitazione, disponibilità di risorse idriche e circolazione atmosferica sull’Italia nord-occidentale.

- Advertisement -

«La capacità di adattamento ai cambiamenti climatici è una delle sfide più importanti che i gestori del servizio idrico integrato dovranno affrontare nel futuro: una gestione ottimale si evidenzia dalla capacità di fronteggiare le crisi attraverso la redazione di mirati piani di emergenza ma soprattutto attraverso un’attenta prevenzione strutturale», ha commentato il presidente di Smat Paolo Romano.

In quest’ottica Smat ha realizzato interventi strutturali come l’Acquedotto della Valle di Susa che a breve verrà attivato e le interconnessioni comunali per sopperire a carenze idriche.

Per il bacino di utenza della città di Torino l’azienda aveva approntato già 15 anni fa una riserva idrica ovvero il bacino di lagunaggio di La Loggia che ha una capacità di circa 2 milioni di metri cubi. L’impianto permette il prelievo dell’acqua del fiume a circa 7 km a monte dell’opera di presa originaria, dove l’acqua staziona dai 7 ai 50 giorni e viene poi immessa negli impianti di potabilizzazione. Opera che nei prossimi anni sarà oggetto di potenziamento realizzando un secondo bacino da 5 milioni di metri cubi.

«Il valore di questo nuovo impianto – ha dichiarato Romano – sta nella creazione di una riserva idrica, che raggiungerà complessivamente un volume di 7 milioni di metri cubi d’acqua, disponibile soprattutto in periodi di siccità, di inquinamento del fiume o di eventi eccezionali quali le alluvioni».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...