12.4 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

Shoah, a Torino collocate altre 18 pietre d’inciampo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Per il terzo anno Torino accoglie le pietre d’inciampo, le “Stolpersteine” di Gunter Demnig. Si tratta di un progetto internazionale realizzato dall’artista tedesco per ricordare le vittime della Shoah.

Nel capoluogo piemontese in due giorni ne saranno collocate 18 che si vanno ad aggiungere alle 67 targhe già presenti in città.

La prima del 2017 è dedicata a Leone Sinigaglia, musicista e compositore. «La morte – ha ricordato il vicepresidente del Consiglio regionale Nino Boeti  – non lo raggiunse nei campi di concentramento, ma a Torino, all’ospedale Mauriziano, probabilmente per infarto, mentre veniva arrestato per essere deportato. Come lui furono molti i musicisti morti nei campi di concentramento».

La pietra per Sinigaglia è stata posata davanti al Conservatorio. Tra le 18 anche quella dedicata a Gemma Vitale Servadio, deportata da Torino con la madre e morta ad Auschwitz.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano