18.9 C
Torino
venerdì, 21 Giugno 2024

Scritte fasciste sul murales a Santa Rita, Valle: “Vandali non fermano l’antifascismo”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«Gli analfabeti della Costituzione e della Storia non si fermano mai, neppure durante le festività del Natale. Lo sfregio del murale di piazza Santa Rita da Cascia è un ulteriore episodio che conferma l’esistenza di una destra non post-fascista ma ancora chiaramente e orgogliosamente ‘fascista’. Una destra che si sente sdoganata dall’attuale clima politico e libera di compiere scorrerie teppistiche. Una destra che insulta la Costituzione, perché non si riconosce in quei valori e in quei principi scritti con il sangue della Resistenza. Ma i vandali imbrattatori non fermano la corsa della bambina ritratta nel murale, così come non fermano l’antifascismo fondamento della nostra Repubblica. Un grazie al Presidente Luca Rolandi, che si è subito attivato per ripulire il murale».Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte e Presidente del Comitato Resistenza e Costituzione Daniele Valle commentando l’imbrattamento del murale sulla parete della scuola elementare Mazzini nel quartiere Santa Rita a Torino e le scritte comparse in piazza Santi Apostoli.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano