24.1 C
Torino
mercoledì, 12 Agosto 2020

Sblocca cantieri, Mirabelli (PD): “49 grandi opere bloccate per incapacità del governo”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Andrea Doi
Andrea Doi
Giornalista dal 1997. Ha iniziato nel '93 al quotidiano La Nuova Sardegna. Ha lavorato per Il Manifesto, Torino Sera, La Stampa. Tra le sue collaborazioni: Luna Nuova, Il Risveglio del Canavese, Il Venerdì di Repubblica, Huffington Post, Avvenimenti e Left. Dal 2007 a Nuova Società, di cui è il direttore dal 2017.

Per il vicepresidente del gruppo del Partito Democratico a Palazzo Madama, il senatore Franco Mirabelli «dietro la questione del decreto sblocca cantieri c’è l’evidente incapacità del governo Conte. Questo governo ha bloccato 49 grandi opere non certo per colpa del nuovo Codice degli Appalti».

«Il problema sono le analisi costi-benefici, volute da Toninelli, i soldi bloccati perché non si sa e non si vuole scegliere sulla Tav, i mancati finanziamenti dei lotti mancanti per completare opere importanti come il terzo valico dei Giovi. Non è certo il Codice, del resto difeso anche dall’Anac, a impedire i lavori ma è il Governo che non sa decidere».

- Advertisement -

«Si può certamente migliorare il Codice degli Appalti – continua Mirabelli – senza per questo doverlo far diventare uno strumento per cancellare regole di trasparenza e legalità. Sostenere, come strumentalmente fa Salvini, che i tempi eccessivi delle opere siano colpa delle norme fatte per garantire trasparenza e legalità è una bugia. Il problema è che il governo Conte non è all’altezza delle responsabilità che ha di fronte: prima se ne va e meglio è».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Concorso per dirigenti Comune di Torino, terza puntata: la riammissione

“Più che un concorso sembra una giallo a puntate”, così alcuni concorrenti hanno commentato le novità pubblicate ieri dalla commissione dell’ormai famoso...

Via Germagnano; ‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’: “Nessun blitz ferragostano, il Comune si assuma la responsabilità”

“‘DemoS’, ‘Torino in Comune’ e ‘LUV’ esprimono forte preoccupazione riguardo all’iniziativa di sgombero del campo di via Germagnano che coinvolge circa 100...

Il pasticcio dei Voucher scuola della Regione Piemonte

Avevano appena ricevuto la mail che confermava l'assegnazione dei voucher scuola per l'anno 2020/21 ma 45 famiglie piemontesi hanno potuto gioire ben...

Torino città Covidless

La città di Torino ha ricevuto oggi l'attestazione Covidless Approach&Trust. Un riconoscimento frutto del progetto di ricerca che ha analizzato le risposte...

Caso Embraco, Cirio: “Da parti in causa serve risposta chiara”

"Seguo la vicenda Embraco ormai da due anni ed è inammissibile che solo oggi, per la prima volta, si siano trovati seduti...