13.1 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Salvini a Torino cambia piazza per paura del flop. Il 18 assemblea per manifestazione contro la Lega

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Torino non è certo una città leghista. Questo è poco, ma sicuro. Lo dimostra il fatto che quando la Lega Nord ha deciso di scendere in strada a manifestare, oltre aver dovuto far fronte alle contromanifestazioni ci sono messi pure i numeri, impietosi.
Ed ecco che per l’iniziativa del 28 marzo, dove il Carroccio piemontese chiederà a Sergio Chiamparino di andare a casa, viste le presunte firme false, il luogo scelto non sarà piazza Castello, come era stato annunciato in un primo momento, ma la più piccola piazza Solferino. Matteo Salvini ci sarà, sembra certo ormai, anche se in Questura per il momento non è arrivata la richiesta ufficiale per la manifestazione. È solo questione di ore. La Lega ha anche cambiato i manifesti, dando appuntamento sempre alle 16 ma, come detto in piazza Solferino. Piazza Castello è troppo grande e c’è il rischio di essere contati.
La sensazione è che tiri aria di flop, come è stato per l’appuntamento di Roma contro il governo Renzi, il 28 febbraio, in cui piazza del Popolo non era certo gremita. Intanto si è messa in moto la macchina dei movimenti che si oppongo alla Lega. Quelli antirazzisti. Si sono dati appuntamento il 18 marzo a Palazzo Nuovo, per un’assemblea pubblica dove si deciderà le modalità della contromanifestazione. Lo slogan invece c’è già: #maiconsalvini, #slegalalega
 
Lega Piazza Castello 28.03.2015 lega piazza Solferino 28.03.2015

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano