17.1 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Saldi, a Torino bilancio amaro: vendite giù del 10-15%

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È amaro il bilancio dei saldi invernali a Torino: il calo delle vendite rispetto alla scorsa stagione è del 10% con punte del 15% in periferia, secondo i commercianti interpellati da Confesercenti per un bilancio della campagna sconti che chiude domani, giovedì 2 marzo.

Su questo esito deludente hanno influito la crisi economica e l’inflazione: le famiglie hanno dovuto concentrare le loro risorse su bollette e mutui. Neppure le temperature miti di questo inverno hanno giovato, tanto che i prodotti meno venduti sono stati i capispalla:cappotti, giacconi, giubbotti e giacche fanno registrare un -20%. Un po’ meglio le calzature, per le quali si riscontrano perdite più contenute: -5%.

“È stata – dice Micaela Caudana, presidente di Fismo-Confesercenti, l’associazione dei commercianti abbigliamento e calzature – una delle stagioni peggiori degli ultimi anni: subito dopo la pandemia avevamo riscontrato una ripresa, ma ora siamo tornati alla calma piatta. Ma le difficoltà – precisa – non sono limitate ai saldi: purtroppo, è almeno dall’autunno scorso che le vendite vanno a rilento, comprese quelle del periodo natalizio: negli ultimi tre mesi del 2023 sono diminuite di almeno il 10%. Molti di noi hanno retto alle difficoltà soltanto perché non hanno mai cessato di praticare sconti dal periodo del black friday in poi, ma ciò ha drasticamente ridotto i nostri guadagni. D’altra parte, solo così abbiamo potuto far fronte alle spese di gestione e ai pagamenti dei fornitori. Questa flessione prolungata della spesa è un fenomeno soltanto torinese: i colleghi di altre città, Milano prima di tutto, mi raccontano di risultati ben più soddisfacenti dei nostri”.

La riduzione delle vendite (compreso il “polmone finanziario” tradizionalmente rappresentato dai saldi) e dei margini comporta per le imprese minore liquidità da destinare agli acquisti futuri. “Molti esercenti – confermano gli agenti di commercio associati alla Fiarc-Confesercenti – stanno limitando gli ordini per la prossima stagione autunno-inverno (che si fanno in questo periodo)sia a causa della scarsa disponibilità di denaro, sia perché una parte della merce è rimasta invenduta, sia perché temono che il trend negativo dei consumi non sia finito: ci aspettiamo una contrazione del 20% degli ordinativi. Il che provoca un danno anche a noi, che incasseremo meno provvigioni”.

I problemi del settore si sono manifestati in misura più acuta negli ultimi mesi, ma vengono da lontano, come dimostrano i dati sulla natimortalità delle imprese (si vedano le tabelle in basso). In poco più di dieci anni a Torino e provincia è sparito un negozio di abbigliamento su tre. In città erano 2007 nel 2009 (3874 con la provincia) e ne sono rimasti 1411 a fine 2022 (2678 con la provincia): un calo del 30%, di oltre dieci punti superiore a quello registrato dall’insieme delle attività di vendita nello stesso periodo. I due anni centrali del Covid (2020 e 2021) hanno particolarmente accelerato il ritmo delle chiusure: fra il 2019 (anno precedente alla pandemia) e il 2022 (anno di uscita dall’emergenza) si è verificato un calo dell’8,3% in città e del 7,5% in provincia, rispetto a un calo complessivo del commercio inferiore al 3%. Fra il 2021 e il 2022 la diminuzione si è attestata sul 4% circa, anche in questo caso maggiore del dato generale.

“Questi numeri – conclude Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti – confermano l’allarme che abbiamo più volte lanciato sul pericolo di una progressiva desertificazione commerciale delle città. Se davvero si ritiene che negozi e mercati le rendano vive, sicure e attrattive, essi vanno aiutati concretamente: troppo spesso la politica se ne dimentica, nonostante le molte affermazioni di principio Invece è necessario intervenire prima che sia troppo tardi: l’alternativa è avere centri cittadini privi delle attività commerciali tradizionali e solcati soltanto dai furgoncini delle grandi piattaforme del web”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano