7.7 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Sabotati i bagni dei pm che indagano sui No Tav: allagati due piani

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Hanno allagato due piani del Palagiustizia di Torino. Il sesto dove ci sono gli uffici di Andrea Padalino e Antonio Rinaudo, i pubblici ministeri titolari delle inchieste sul movimento No Tav, e il quarto piano dove si trova la scrivania del giudice per le indagini preliminari, Federica Bompieri, che ha convalidato gli arresti dei quattro anarchici accusati di terrorismo che lo scorso maggio avrebbero dato l’assalto al cantiere Tav di Chiomonte.
E sono proprio slogan di solidarietà nei loro confronti che sono stati ritrovati su alcuni adesivi posti nei bagni dei due piani.
Mani ignote hanno bloccato gli scarichi delle toilette utilizzando penne e polistirolo. Dopo di che hanno tirato gli sciacquoni fino a provocare la fuoriuscita dell’acqua dai wc.
Come detto, la digos ha indirizzato le indagini verso l’area anarchica proprio le scritte ritrovate nei bagni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano