13.3 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Rinegoziazione mutui, il voto della Sala Rossa

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Consiglio Comunale di Torino ha approvato, con 23 voti favorevoli, 8 contrari, la deliberazione proposta dall’assessore al Bilancio Sergio Rolando per la rinegoziazione di mutui contratti dal Comune di Torino con la Cassa Depositi e Prestiti, che al 1° gennaio 2020 presentavano un debito residuo di circa 114 milioni di euro, e la sospensione della quota capitale di mutui con il Mef per circa 7 milioni di euro.

Secondo l’assessore Rolando, per la rinegoziazione si applica un meccanismo automatico, non discrezionale, analogo a quello utilizzato dall’Amministrazione lo scorso anno.

Per la Città di Torino ci saranno minori oneri fino al 2034 per un totale di 35 milioni di euro e maggiori oneri dal 2035 al 2044 per 52 milioni e 300mila euro. L’operazione costerà quindi 17 milioni e 300mila euro.

Insieme alla deliberazione sono state approvate due mozioni di accompagnamento.

La prima mozione di accompagnamento, che aveva come prima firmataria Eleonora Artesio – Torino in Comune, approvata con 26 voti favorevoli e 1 astenuto, impegna sindaca e giunta a coinvolgere la cittadinanza sulle questioni del debito pubblico, sostenendo gli argomenti e le proposte introdotte dalla deliberazione del Comune di Napoli e dalla Consulta pubblica per l’audit, anche attraverso scambio di pratiche e iniziative pubbliche con gli enti locali, in un’ottica di democrazia partecipativa.

La seconda mozione di accompagnamento, primo firmatario: Enzo Lavolta del Pd, è stata approvata con 34 voti favorevoli, 1 contrario e 1 astenuto, impegna la sindaca e l’assessore al Bilancio a richiedere al Governo la copertura del disavanzo della Città di Torino derivante dall’emergenza sanitaria Covid-19 e dalla conseguente crisi finanziaria in cui versa l’ente.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano