17.8 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Riforme costituzionali, presidio del Comitato a difesa della Costituzione in piazza San Carlo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un nutrito gruppo di persone si è ritrovato ieri in piazza San Carlo per un presidio contro la riforma costituzionale approvata martedì dalla Camera dei Deputati. L’evento, organizzato dal Comitato piemontese/valdostano per la difesa della Costituzione, è nato per protesta nei confronti di una riforma che «crea un sistema di governo accentrato nelle mani di un uomo solo e del suo gruppo di fedeli sodali». Il tutto durante la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel capoluogo piemontese.

Presenti, fra i tanti, Antonio Caputo, coordinatore regionale del Comitato, Livio Pepino, Mariachiara Acciarini e Federico Bellono, il segretario provinciale FIOM di Torino.

- Advertisement -

«Una Camera di parlamentari nominati –afferma Antonio Caputo– eletta in base a una legge dichiarata illegittima dalla Corte costituzionale ha modificato a colpi dei maggioranza aritmetica aspetti fondamentali della Costituzione repubblicana ,completando il processo di trasformazione in senso oligarchico del sistema politico e della forma di governo parlamentare avviato con l’approvazione della legge elettorale.

«Grande e’ la responsabilità che ci assumiamo per superare la coltre dell’indifferenza, della disinformazione di chi vorrebbe trasformare il referendum in plebiscito, dell’apatia, in un contesto dominato dalla sovrapposizione di un sistema di informazione pilotato e non sempre trasparente e democratico.

«I cittadini italiani, ai quali appartiene la sovranità sono chiamati a difendere la loro Costituzione, unica grande risorsa di unità non divisiva esistente, a tutela in primo luogo della repubblica parlamentare democratica , dei diritti di ciascuno, in specie dei poveri e degli esclusi, delle pari opportunità , dei diritti. fondamentali di persone ed enti, in una società marcata sempre più drammaticamente dall’esclusione , per contrastare l’obiettivo dichiarato di un unico partito al potere», conclude Caputo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...