22.2 C
Torino
domenica, 21 Luglio 2024

Valentina Tarallo, un testimone racconta: “Era serena”. L’amica: “L’ex era geloso”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Andrea Doi

Si fa sempre più largo l’ipotesi investigativa che Valentina Tarallo, la ricercatrice torinese di 29 anni uccisa a sprangate a Ginevra sia stata in realtà aggredita non per una rapina, come si era sostenuto in un primo momento da una persona che conosceva bene.
La polizia elvetica sta sondando nella vita privata della giovane, e sta ascoltando gli amici in cerca di nuovi indizi. La pista di una rapina a cui aveva reagito Valentina scatenando la furia omicida dell’aggressore è sempre più debole secondo gli inquirenti: la borsa con il portafoglio è stata ritrovata vicino al corpo privo di conoscenza della Tarallo morta due giorni dopo.
Per quanto riguarda la spranga con cui è stata uccisa si tratterebbe di una barra di ferro, una sorta di tubo lungo 60 centimetri, che forse potrebbe provenire da un cantiere presente nella zona dove è avvenuto l’agguato e su cui ci sarebbero le impronte digitali del killer.
Si indaga nella vita privata della giovane, dicevamo. Un primo identikit parla di un uomo di colore alto un metro e ottanta. Secondo il racconto di alcuni compagni di viaggio, quelli in stile “Bla bla car” che la ricercatrice usava spesso, Valentina avrebbe detto loro che aveva appena interrotto una relazione con un ragazzo di origine africana. Sempre secondo la testimonianza i rapporti sarebbero stati troncati dalla Tarallo per differenze culturali e per l’eccessiva gelosia dell’uomo.
Un ricercatore del Cern di Ginevra Paolo G. che domenica ha viaggiato da Torino alla Svizzera con Valentina racconta che «la ricercatrice era serena e che non si aspettava nulla di quello che le è successo». Ventiquattro ore prima del viaggio Valentina era tranquilla: «Ci siamo conosciuti proprio quella sera – racconta Paolo – ma non mi ha parlato di nulla di personale, anzi ha dormito una parte del viaggio».
Le indagini non si fermano e continua la caccia all’uomo. La polizia cerca un italo-senegalese di 36 anni, che avrebbe avuto la breve relazione con Valentina.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano