11.4 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Riforma costituzionale, i Comitati del No scrivono all’Appendino e incontrano Versaci: “Informate i torinesi prima del voto”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Continua la mobilitazione di Comitati del No per la riforma Costituzionale in vista del referendum del prossimo autunno. E chiedono un coinvolgimento diretto delle amministrazioni locali.
Infatti, dopo le mozioni di Comuni come Napoli, Pisa, Parma, e Vicenza in cui si esprime la contrarietà alle modifiche alla Carta che il governo Renzi vorrebbe applicare, ora anche il Comitato per il No del Piemonte si è rivolto al Comune di Torino.
Nei giorni scorso la sindaca Chiara Appendino ha ricevuto una lettera aperta a firma di Antonio Caputo, presidente del Comitato territoriale, in cui si chiedeva che la città organizzasse delle iniziative per sensibilizzare e informare i cittadini riguardo il voto di fine ottobre. Dibattiti, incontri, confronti in cui la cittadinanza potrà conoscere meglio cosa vuol dire votare si o no visto che si tratta di «modifiche che vanno ad intaccare profondamente l’organizzazione della vita democratica del Paese», spiega Caputo.
E l’appello è stato ascoltato. Infatti, già domani il presidente del Consiglio Comunale Fabio Versaci incontrerà i rappresentanti del Comitato per il No per un primo veloce scambio di idee mentre è già in agenda un secondo e più dettagliato incontro a inizio settembre, quando la partita per la riforma costituzionale entrerà nel vivo.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano