11.4 C
Torino
mercoledì, 22 Maggio 2024

Amaq News Agency: cos’è e come lavora l’agenzia stampa di Daesh

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La rivendicazione dell’uccisione del parrocco Jacques Hamel, a Saint Etienne du Rouvray, da parte di due “affiliati” all’Is è arrivata tramite l’agenzia Amaq.

Un nome quello di Amaq News Agency nella lista dell’intelligence di tutto il mondo, visto che molti la ritengono la voce del Califfato.

Ma come lavora questa pseudo agenzia stampa, che grazie a Daesh ha fatto la sua fortuna? Le sue fonti sono i terroristi stessi: il Califfato invia a video e materiale direttamente ad Amaq. Poi Amaq attraverso applicazioni o anche con piattaforme e chat come Telegram, rende di dominio “quasi pubblico” le news.

Le grandi testate mondiali fanno il resto, utilizzando Amaq come una qualsiasi agenzia d’informazione.

I giornalisti di Amaq News lavorano in maniera indipendente rispetto alle altre forme di propaganda dell’Is. In apparenza. Nessun logo del Califfato, ma il linguaggio nei servizi svela il vero scopo. Non esistono parole come “terrorismo” nei servizi, ma “miliziani” o “combattenti”. Il nemico è “il crociato”

Le prime news diffuse da Amaq erano quelle relative alla battaglia di Kobane del 2014. I militari dell’Is condividevano sui loro social network i lanci dell’agenzia.

Ha monitorare il lavoro di Amaq c’è uno dei più importati portali di analisi dei media cosiddetti jiahidisti è il Site Intelligence, che, per bocca della sua direttrice Rita Katz, definisce l’agenzia «un media di un Stato». Quello di Daesh, appunto.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano