20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Ricette tipiche della toscana: 6 piatti da non perdere

Più letti

Nuova Società - sponsor

Ti stai preparando per andare un weekend in Toscana e sei curioso di conoscere i suoi piatti tradizionali per provarli tutti? 

In questo articolo vedremo insieme alcune delle pietanze tipiche: non sia mai che ti prepari ad un viaggetto in Maremma senza arrivare abbastanza preparato sul cibo autoctono, veramente ricco di pietanze gustose. 

Una delle più antiche tra le cucine regionali, quella toscana ancora oggi mantiene le ricette originali di molti piatti, generalmente realizzati con ingredienti semplici e facilmente reperibili. 

Dunque che aspetti, non vuoi provare le ricette della tradizione toscana abbinate con un pregiatissimo Chianti? Vediamo insieme alcuni dei piatti davvero imperdibili. 

Crostini neri

Per iniziare la lista delle pietanze tipiche della toscana, non si possono non nominare in principio i crostini, soprattutto quelli neri, che meritano una menzione particolare. 

Realizzati con il classico pane toscano, conosciuto nel panorama italiano per i suoi caratteristici requisiti di forma e produzione, ma soprattutto per la mancanza di sale, vengono conditi con un paté di fegatini di pollo, capperi e acciughe

Un connubio perfetto, considerato che il pane scipito è la base perfetta per salse e condimenti di ogni tipo.  

La Fiorentina, rigorosamente al sangue

Impossibile andare a Firenze e non provare la famosissima bistecca alla fiorentina. 

Si tratta di un taglio di carne pregiata di vitellone o di scottona originariamente di razza Chianina che, unito alla sua specifica preparazione, lo rende uno dei piatti letteralmente più conosciuti in Toscana. 

Questo taglio alto è comprensivo dell’osso, e può essere cotto sulla brace o sulla griglia: l’importante è che sia al sangue, un grado di cottura su cui i toscani sono molto severi. 

Le Zuppe con il pane raffermo

Come abbiamo già notato, il pane è un ingrediente davvero importantissimo in questa regione: infatti viene usato in tantissime preparazioni, tra cui le zuppe, che non a caso vengono chiamate anche pan bagnato

La prima della lista è la famosa pappa col pomodoro: si tratta di pane raffermo, pomodori, aglio, olio e basilico. Oppure ancora abbiamo la panzanella che, con meno pomodoro, si presenta meno liquida e soprattutto meno calda. 

Troviamo poi anche il carcerato, una zuppa di pane raffermo e brodo di interiora di vitello, indubbiamente superata però dalla regina delle zuppe: la ribollita. Quest’ultima è a base di verdure, come cavolo nero, verza, fagioli, bietole, patate e carote, a cui si accompagna l’immancabile pane raffermo. Il nome particolare di questa zuppa deriva dalla pratica di cuocere a lungo gli ingredienti, per poi “ribollirli” con del pane e dell’olio extravergine di oliva.  

Arista di maiale

Un altro piatto tipico toscano, sinonimo del pranzo della domenica è indubbiamente l’arista di maiale. 

Sembra che il nome derivi da un’antica leggenda, secondo cui questo piatto fu chiamato per la prima volta “arista” nel XV secolo, durante il consiglio ecumenico di Firenze quando Cosimo il Vecchio, della famiglia Medici, offrì un banchetto alla delegazione greca che era venuta in rappresentanza della chiesa ortodossa. 

In quella occasione, uno dei cardinali greci lì presente, dopo aver assaggiato il piatto esclamò “ariston!” che in greco significa “il migliore”. Da quel momento in poi, la famosa lombata di maiale toscana è conosciuta come arista.

Oggi la troviamo in tante varianti, dalla versione più classica con olio e rosmarino, alle varianti con sidro di mele e uva. Se vuoi preparare l’arista di maiale clicca qui e cimentati nella realizzazione di gustosi piatti tipici!

Scarpaccia

La Scarpaccia invece è una pietanza tipica della provincia di Lucca, la cui ricetta originaria viene rivendicata sia da Viareggio che da Camaiore. 

In entrambi i casi si presenta come una frittata di zucchine, molto spessa e consistente. Nel momento in cui si parla di ingredienti, però, le strade si dividono: a Camaiore la Scarpaccia è prettamente salata, con cipolline e basilico. A Viareggio invece è dolce, con fiori di zucca e farina.

Pappardelle

Si può andare in Toscana senza gustare un bel piatto di pappardelle? Un classico della cucina toscana, questa pasta all’uovo è letteralmente amata da chiunque si trovi di passaggio nelle terre maremmane. 

Soprattutto se accompagnate dal famoso ragù di cinghiale, condito con le classiche spezie, quali alloro, cipolle, sedano, carote, rosmarino e pepe, il risultato è davvero da leccarsi i baffi!   

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano