21.1 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Regione Piemonte, per l'M5s l'aumento dell'Irpef è un salasso

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«L’ennesimo salasso per i piemontesi». Così il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Piemonte, Giorgio Bertola, e l’ex capogruppo, Davide Bono, definiscono l’aumento della Regione di «addizionale Irpef (Aumento sul reddito delle persone fisiche, ndr), bollo auto e canoni idrici» dovuto al «disegno di legge relativo ad alcune disposizioni urgenti in materia fiscale e tributaria».
«Le prime due aliquote Irpef non sono state ridotte – dicono infatti – e le detrazioni fiscali per le famiglie numerose riguarderanno solo chi ha più di 3 figli, una parte minima della popolazione. Queste misure non risolveranno i problemi strutturali della Regione a fronte di un buco di quasi 600 milioni solo per il 2015. Tant’é che la Regione sta chiedendo il rinvio del pagamento dei mutui nella legge di Stabilità in discussione oggi al Senato, sotto forma di un pacchetto Salva Piemonte».
«Il tutto – concludono i due grillini – mentre Renzi taglia altri quattro miliardi alle Regioni, dando il sapore della beffa alla manovra Chiamparino».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano