13.4 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Regione, Cota venerdì firmerà per indire le nuove elezioni

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Alla fine la firma arriverà. Entro venerdì Roberto Cota sottoscriverà il decreto per indire le elezioni regionali in Piemonte. Proprio allo scadere dal tempo che il Tar aveva concesso, alternativa il commissariamento. Ma anche se ciò avvenisse, prensenterà un altro ricorso, l’ennesimo, dopo la decisione che il suo governo era illegittimo, viste le firme false della Lista Pensionati di Giovine, che lo aveva appoggiato.
Fino all’ultimo però si è temuto che veramente Cota non avesse alcuna intenzione di firmare il decreto, costringendo così il prefetto di Torino, Paola Basione, che avuto l’incarico dal Tar, a commissionare.
Intanto i coordinatori regionali di Forza Italia e Fratelli d’Italia, Gilberto Pichetto e Agostino Ghiglia, e il capogruppo piemontese del Nuovo Centrodestra, Daniele Cantore, ormai in piena campagna elettorale hanno scritto in una nota congiunta il loro appoggio a Cota, soffermandosi sulla vicenda “ricorsi”: «Siamo tutti al fianco di Cota. Tutto quello che è stato fatto e che sarà fatto a tutela dei diritti dei piemontesi che hanno espresso liberamente il loro voto in questa incresciosa vicenda dei ricorsi elettorali trova e troverà il sostegno di tutta la maggioranza. Non ci sono distinguo e l’eventuale ricorso non avrebbe alcun effetto dilatorio o sospensivo».
«La sinistra non vincerà le elezioni – scrive Cota in rete – Ha impostato una politica distruttiva, basata su attacchi strumentali e personali, sull’impiego della doppia morale e sull’uso dello strumento giudiziario come arma di lotta politica. Certe schifezze fatte saranno un boomerang».
Poi conclude: «Nessuno riuscirà a mettere la sordina su quello che è capitato con i ricorsi elettorali».
Non resta quindi che aspettare la tanto attesa firma. Sperando che Cota non cambi nuovamente idea.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano