16.2 C
Torino
venerdì, 21 Giugno 2024

Regionali, ricorso di M5S contro 40 liste

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

A meno di un mese dal voto, il Tribunale Amministrativo Regionale torna a essere chiamato in causa per le ormai imminenti elezioni per la giunta che governerà il Piemonte nei prossimi cinque anni.
A sollevare nuove polemiche è l’iniziativa del Movimento 5 Stelle che questa mattina ha depositato il ricorso presso il Tar contro la presentazione di ben 40 liste di candidati. Si tratta di quelle liste che, appoggiandosi a una voce della legge elettorale, hanno potuto usufruire dell’esenzione dalla raccolta delle firme (altrimenti necessaria per presentarsi al voto) perché si sono legate a gruppi regionali già presenti a Palazzo Lascaris.
Ma con l’esclusione di alcune delle liste candidate avvenuta due giorni fa, i gruppi consiliari legati a quanti sono risultati “non idonei” sono diventati a loro volta passibili di respingimento.
E proprio questo è il contenuto del ricorso presentato quest’oggi dal M5S nei confronti di Forza Italia, Moderati per Chiamparino, L’altro Piemonte a sinistra, Ncd-Udc, Verdi-Verdi e Destre Unite. Ad assistere i grillini è l’avvocato Mattia Crucioli, lo stesso con cui i Cinque Stelle hanno vinto il ricorso contro le elezioni regionali del 2010 che portarono al governo della giunta leghista di Roberto Cota.
All’iniziativa del M5S non è mancata la reazione di Gilberto Pichetto, la cui lista Pensionati per Pichetto figura tra quelle annullate. Il candidato governatore per Forza Italia e Lega Nord ha affermato di non voler fare a sua volta ricorsi ma che a suo parere ad aver violato le regole sono proprio i grillini: «Le regole devono valere per tutti. Se vuole essere corretto, Bono deve ritirarsi». Pichetto ha poi aggiunto provocatoriamente che se il candidato del M5S si ritirasse sarebbe pronto a inserirlo nella propria giunta «è uno secco, preciso, potrebbe essere un buon assessore al Bilancio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano