16.7 C
Torino
martedì, 22 Settembre 2020

Referendum legge elettorale, tutto da rifare. La Cassazione chiede modifiche al Consiglio Regionale

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Nonostante l’impegno della maggioranza in Consiglio Regionale per approvare la richiesta di referendum abrogativo della quota proporzionale nell’attuale legge elettorale entro la scadenza del 30 settembre tutto è da rifare.

Infatti la Corte di Cassazione ha chiesto alle regioni che hanno presentato domanda per il referendum di modificare il titolo che attualmente è “Abolizione del metodo proporzionale nell’attribuzione dei seggi in collegi plurinominali, nel sistema elettorale della Camera dei Deputati e nel Senato della Repubblica”. In particolare, si sottolinea essere necessaria l’integrazione integrale dei testi delle disposizioni di cui si chiede l’abrogazione. E per farlo c’è tempo fino all’8 novembre.

- Advertisement -

La proposta di referendum dovrà dunque tornare nell’aula del Consiglio regionale da dove era uscita con non poche proteste da parte delle opposizioni. E infatti il capogruppo Pd Domenico Revetti riaccende la polemica: «La Corte di Cassazione ha confermato tutte le questioni che avevamo sostenuto nei giorni assurdi delle continue convocazioni dell’Aula e ha inviato ai Consigli regionali interessati i propri rilievi, invitandoli a modificare i testi e, in particolare a integrare il quesito referendario con integrale trascrizione dei testi delle disposizioni di cui si chiede l’abrogazione, cioè di dettagliare il quesito che occupava ben diciassette pagine, quelle che componevano il “lenzuolo” che avevamo esposto. Avevamo ragione noi, ma, in quei giorni, il delirio di onnipotenza del centrodestra era impossibile da arginare. La delibera dovrà tornare in Consiglio regionale, impegnando sedute che dovrebbero, invece, essere dedicate a provvedimenti utili per i piemontesi».

- Advertisement -

Opinione condivisa anche da Marco Grimaldi: «La delibera, su cui la maggioranza ci ha inchiodato in Consiglio per quattro giorni e quattro serate, tornerà indietro: come abbiamo detto in tutte le salse, la delibera era sbagliata e doveva essere modificata. Siamo al 22 ottobre a oltre 5 mesi dalle elezioni la Lega in Piemonte non ha ancora prodotto nessuna legge: dovremo tornare in Aula per modificare una delibera che non serve al Piemonte e non ha niente a che vedere con i bisogni delle persone: e allora, cari leghisti, ritentate pure ma non sarete più fortunati».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Laus: “Periferie diventino zone franche urbane”

Da tempo Torino è salita sul podio nazionale delle città con le periferie più popolate. E il primato purtroppo le è valso...

Moncalieri, Paolo Montagna si conferma sindaco. Ballottaggio a Venaria e Alpignano

Secondo mandato per Paolo Montagna, l'esponente del Partito Democratico che al primo turno si riconferma sindaco di Moncalieri con un consenso che...

Pd, lavorare sulle periferie per superare il voto “di protesta”

L'analisi del voto, a caldo, è sempre frutto di una percezione personale in attesa di dati più chiari, flussi e studi più...

Caso Ream, Appendino: “Ho agito in buona fede. Resto sindaca ma mi autosospendo da M5s”

Dopo la sentenza di primo grado che la condanna a sei mesi per il reato di falso in atto pubblico relativo al...

I Cinque Stelle dalla parte di Appendino: “Continuiamo a sostenerla”

Se la maggioranza pentastellata ha vissuto momenti di crisi e ha dubitato della propria sindaca non è di certo oggi. Anzi la...