9.1 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Riapre (in parte) parco Michelotti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Sabato 26 ottobre riaprirà la parte nord del parco Michelotti, dove era situata la casa degli ippopotami. L’innaugurazione avverrà a seguto di lavori di ristrutturazione durati circa un anno, per un costo complessivo di 88mila euro.

l’area di 31mila metri quadrati, infatti è stata soggetta a interventi realizzati dai tecnici del servizio Grandi opere del verde, del servizio Gestione verde e da Iren, con la collaborazione di Amiat e il prezioso apporto dei volontari di Torino Spazio Pubblico.

Sono state rimosse le infrastrutture utilizzate per attività di intrattenimento e una parte della recinzione, si è controllata la stabilità di tutti gli alberi, con il taglio degli esemplari compromessi e la potatura degli altri, si è costituita una nuova viabilità interna, illuminata da un impianto riqualificato e dotato di lampade a Led.

L’evento vedrà la presenza dell’assessore al Verde pubblico Alberto Unia, che ha cosi commentato:«La restituzione alla città del parco Michelotti è il risultato di un percorso non breve, non facile ma entusiasmante» spiega l’assessore «Che ha consentito a tutti i cittadini interessati alla sorte dell’ex-zoo di partecipare alle decisioni e di portare idee, suggerimenti, oltre a partecipare attivamente all’opera di riqualificazione».

«Sono soddisfatto dei risultati finora ottenuti e rilancio, partecipe dell’entusiasmo di tutti coloro che hanno fatto la loro parte» conclude Unia «Proseguiamo insieme su questa strada per condurre a termine il completo recupero del Michelotti. Questo percorso sarà da esempio per il futuro, e rappresenterà un modello partecipativo d’intervento virtuoso da applicare in contesti simili».

Oltre alla casa degli ippopotami i tecnici del Comune e dell’Amiat stanno effettuando lo sgombero delle ex gabbie per poi poter procedere alla bonifica, fase che terminerà nel 2020. Fatto questo, sarà possibile intervenire sull’area verde per concludere il progetto di riqualificazione.

Paolo Bogliano

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano