13.1 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Quando verrà restituito il cortile ai bambini di via Braccini 75?

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Tutti sanno che se c’è un momento universalmente amato da tutti i bambini in età scolare è l’intervallo, soprattutto quando viene l’estate e si può andare in cortile. Ecco questo è un lusso che i bambini della scuola per l’infanzia Malta, in via Braccini 75, Circoscrizione 3, stanno pian piano dimenticando perché, inverno a parte, rischiano di trascorrere tutta l’estate chiusi nelle aule, visto che il cortile della loro scuola è impraticabile. Il tutto è legato alla presenza di alcuni giochini per l’infanzia vecchi, danneggiati e pericolanti che hanno indotto le maestre, con giusta cautela e attenzione alla sicurezza, ad evitare di portare i bambini in cortile, soprattutto i più piccoli.
La competenza sui suddetti giochini è del Comune e alcuni rappresentanti dei genitori si erano già recati, prima delle vacanze di Natale, presso gli uffici competenti per chiederne se non la sostituzione (negata a causa della mancanza di fondi…), quanto meno la rimozione.
Su questo tema è intervenuta la Consigliera PD e Coordinatrice al Patrimonio della Circoscrizione 3 Ludovica Cioria, che ha presentato un’interrogazione nel Consiglio circoscrizionale del 2 marzo 2017, raccontando tutto l’impegno e la disponibilità profuse dai genitori per provare a risolvere questa faccenda e chiedendo agli organi centrali competenti la rimozione urgente dei giochini. Lei stessa spiega infatti che «sono venuta a conoscenza di questo problema parlando con alcuni genitori della scuola e mi sono subito attivata perché è chiaro che qui le tempistiche sono fondamentali e, se il Comune non interverrà quanto prima, a farne le spese, tanto per cambiare, saranno i più deboli, ovvero i bambini».
Dai livelli centrali fino ad ora tutto tace, ma intanto è arrivata la primavera e i bambini della scuola d’infanzia di via Braccini per adesso potranno guardarla solo dalla finestra.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano