10.1 C
Torino
martedì, 21 Maggio 2024

Proteste in Sala Rossa, la Lega occupa la presidenza

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Dovevano presentarsi per discutere alcune interpellanze di cui due proposte da capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca e dal suo collega Roberto Carbonero. Ma Claudio Lubatti, assessore alla Viabilità, Gianguido Passoni, al Bilancio, e Stefano Lo Russo all’Urbanistica hanno rinviato la seduta in Sala Rossa dove oggi, come ogni lunedì si tiene il Consiglio Comunale.
«L’assessore Lubatti era in ritardo perché ancora ad un sopralluogo», spiega Michele Paolino capogruppo del Pd a Palazzo di Città.
Giustificazione però, che non è bastata alle camicie verdi della Sala Rossa, (non nuove a gesti così eclatanti), che hanno scelto l’occupazione delle poltrone dell’assessorato come gesto di protesta: «Dovevamo discutere due interpellanze con Lubatti e non si è presentato, così abbiamo deciso di occupare la presidenza fino a quando i lavori non riprenderanno e staremo a vedere cosa succede», spiega il capogruppo Ricca, mentre i lavori in Sala Rossa accumulano ritardi.
Il Consiglio, che avrebbe dovuto ricominciare alle ore 14.30 con l’appello nominale, ha subito poi un ulteriore ritardo, fino alle 15, quando la polizia municipale è intervenuta per accompagnare fuori dall’aula i due leghisti.
«Ci hanno portato fuori dall’aula con “l’accompagnamento” della Polizia Municipale. Quando si chiede alla Giunta di lavorare questa è la risposta…», ha commentato Fabrizio Ricca prima della ripresa del Consiglio comunale che è andato poi avanti con una Giunta quasi deserta e la cancellazione, ovviamente, di non poche interpellanze previste nel calendario.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano