14.5 C
Torino
lunedì, 19 Ottobre 2020

Piemonte, Rossi (Pd): “Mancano indicazioni chiare scuole infanzia”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una mozione per chiedere linee chiare per la riapertura delle strutture dell’infanzia. Questo quanto chiede Il consigliere regionale Domenico Rossi (Pd) alla giuntea di Alberto Cirio. Inoltre auspica “un tavolo con gli enti locali e le categorie sociali in vista della stesura delle linee guida per la riapertura di asili nido e scuole materne”.

“La mancanza di indicazioni da parte della Regione – afferma Rossi – sta sta mettendo in grave difficoltà Comuni e soggetti privati. Le linee guida nazionali previste dal Piano Scuola 2020-2021 lasciano ampio margine di manovra. Per questo è urgente definire e condividere le norme igieniche, a tutela del personale educativo e ausiliario, le caratteristiche che dovranno avere le strutture e le modalità di gestione dei rapporti educativi al fine di valutare le ricadute sulla gestione del personale. Alcune Regioni, come Veneto e Sicilia, si sono mosse in tal senso, ritengo che anche il Piemonte debba farlo”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Covid, Pd Piemonte: “Icardi sfiduciato, Cirio in ritardo nel gestire emergenza”

Il Partito Democratico piemontese all’attacco della giunta regionale per la gestione dell’emergenza sanitaria. "Oggi Cirio in Commissione Sanità sostituisce l'assessore Icardi nelle...

Nuovo Dpcm, Appendino: “Sindaci non possono decidere chiusure da soli”

La sindaca Chiara Appendino commenta il nuovo Dpcm firmato ieri dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e che affida ai sindaci il...

Covid, sul palco va in scena la crisi dei lavoratori dello spettacolo: “Senza aiuto si chiude”

Cambiare palcoscenico, modificare il proprio modo di fare spettacolo, combattere contro burocrazie e difficoltà economiche e contro lo strabismo culturale di una...

Il Consiglio comunale torna in videoconferenza

Torna il consiglio comunale ma resta chiusa la Sala Rossa. Dopo il caso di positività al Covid di un consigliere M5s che...

Torino 2021, Salvini vuole il nome del candidato entro novembre

Vuole giocare d'anticipo Matteo Salvini nella corsa alle amministrative 2021 e vuole al più presto i nomi dei candidati. "Ho chiesto che entro...