13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

‘Ndrangheta, al via il processo per Roberto Rosso. L’ex assessore “troppo provato per stare in aula”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

Si è aperto oggi il processo Fenice, nell’aula bunker del carcere Le Vallette, relativo alla presenza della ‘ndrangheta nella zona di Carmagnola, per cui sono indagate una ventina di persone tra cui l’ex assessore regionale Roberto Rosso, accusato di voto di scambio e finito in carcere lo scorso dicembre, da cui è uscito, per i domiciliari, solo da una settimana. 

A tenere banco a inizio seduta in realtà un disguido tecnico, in quando mancava il collegamento video dall’aula era stato predisposto con il Palagiustizia e non con il carcere. “Avevamo avvertito tutti correttamente ma purtroppo siamo in Italia” è stato il commento del presidente del collegio giudicante Alberto Giannone. Ripristinato il collegamento si è potuto procedere con l’udienza a cui però Rosso era assente. 

Come ha spiegato il legale del politico, l’avvocato Giorgio Piazzese, “non è per mancanza di rispetto: sapeva che non sarebbe stata un’udienza decisiva. Fra l’altro è ancora molto provato dai sei mesi di custodia cautelare e dovrà essere sottoposto a controlli medici”.

Intanto, il giudice ha respinto la richiesta degli avvocati della difesa di celebrare il processo a porte chiuse: “le dimensioni dell’aula sono tali da garantire un adeguato distanziamento sociale”. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano