13.6 C
Torino
domenica, 23 Giugno 2024

Piemonte, frenano i consumi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Consumi in frenata anche in Piemonte: in termini reali, la nostra regione fa peggio della media nazionale e anche di altre regioni del Nord e del Centro. È questo il dato più significativo che emerge dallo studio di Confesercenti sulla spesa delle famiglie nel 2023.

Per il Piemonte la previsione di spesa è di 2.376 euro medi a famiglia: un dato inferiore ai 2.443 euro della media nazionale, ma anche a quello delle regioni del nord (Liguria esclusa), oltre che di Emilia e Toscana. E al Piemonte mancano anche 139 euro per raggiungere il livello di spesa del 2019, ultimo anno prima della pandemia, rispetto ai 50 euro mancanti a livello di media nazionale.

Il rallentamento dei consumi è evidente nella seguente tabella: dopo il baratro del 2020 rispetto al 2019 dovuto al Covid, i consumi dei piemontesi hanno ripreso a salire. Ma mentre nel 2021 rispetto al 2020 e nel 2021 rispetto al 2022 la crescita è stata rispettivamente di 70,5 euro e 82,2 euro, nel 2023 rispetto allo scorso anno supererà di poco i 18 euro, pari allo 0,8%.
> 2020 su 2019: -310,5 euro (-12,3%)
> 2021su 2020: +70,5 euro (+3,2%)
> 2022 su 2021: +82,2 euro (+3,6%)
2023 su 2022+18,1 euro (+0,8%)

Le difficoltà delle famiglie piemontesi emergono anche dalla composizione della spesa (si veda la tabella in basso). Quasi la metà (46%, in questo caso sostanzialmente in linea con la media nazionale) se ne va per costi legati all’abitazione e alle bollette di elettricità, gas, e acqua: una spesa in forte crescita che penalizza inevitabilmente tutte le altre.

In questa situazione l’andamento dei costi energetici può fare la differenza: se nel corso del 2023 le tariffe di luce e gas si dovessero ridurre del 40%, come ipotizzato dal ministro Giancarlo Giorgetti, la spesa sostenuta dalle famiglie per le utenze domestiche calerebbe in modo significativo, liberando risorse da destinare ad altri consumi.

“Un fatto importe – dice Giancarlo Banchieri, presidente di Confesercenti Piemonte -, ma rimane la necessità più generale e strutturale di sostenere i consumi e rilanciare la domanda interna, dalla quale dipendono le imprese del commercio. L’inflazione sta mettendo a dura prova i bilanci delle famiglie, che vanno aiutate a recuperare potere d’acquisto. In questo senso sarebbe importante prevedere la detassazione degli aumenti retributivi: ciò aiuterebbe a rinnovare i tanti contrtatti di lavoro scaduti da anni. Purtroppo, dai dati emerge una specificità negativa della nostra regione: le famiglie e le imprese piemontesi faticano di più e questa è una circostanza che deve richiamare l’attenzione di tutti, soggetti pubblici e privati”.

PIEMONTE / COMPOSIZIONE DELLA SPESA DELLE FAMIGLIE
> Abitazione e utenze: 46,0%
> Alimenti e bevande analcoliche: 17,7%
> Trasporti: 9,7%
> Alberghi e ristoranti: 3,7%
> Servizi sanitari: 3,6%
> Mobili e servizi per la casa: 3,5%
> Spettacoli e cultura: 3,4%
> Abbigliamento e calzature: 2,8%
> Comunicazioni: 1,9%
> Bevande alcoliche e tabacchi: 1,6
> Istruzione: 0,5%
> Altri beni e servizi: 5,6%

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano