7.4 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Picchiato a morte a 14 anni perché figlio di una coppia gay

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo
È morto dopo una lunga agonia, Ricardo de Olivera, 14 anni. Il ragazzo brasiliano picchiato nella sua scuola, a Vila Jamin, periferia di San Paolo il 5 marzo, dai compagni d’istituto. Il movente dell’omicidio, perché di questo si tratta, è il fatto che Ricardo era figlio di una coppia gay. Da tempo il 14enne era diventato un bersaglio. Il fratello più grande di un anno, racconta che Ricardo è stato aggredito da cinque coetanei, all’entrata della scuola, che lo hanno picchiato dopo averlo insultato. Poche ore dopo si è sentito male. Di diverso parere invece lo Stato che racconta, attraverso il ministero dell’Istruzione e quello della Salute, che il ragazzo è morto per un aneurisma, un’emorragia cerebrale. Cause naturali. Per questo i genitori di Ricardo hanno deciso di denunciare il governo, accusandolo di non far nulla nei confronti di questi gravi episodi.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano