10.9 C
Torino
giovedì, 23 Maggio 2024

Pericolo slavine, chiesta chiusura impianti e più controlli

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ormai è pericolo slavine. L’ultima la tragedia del 15enne di Torino morto a Claviere sotto una valanga.
Il Codacons, Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori, ha chiesto la chiusura immediata di tutti gli impianti sciistici nelle regioni a elevato rischio di slavine e controlli a tappeto per fermare gli sciatori incoscienti che si avventurano nei fuoripista.
«Nonostante gli allarmi lanciati nelle scorse ore si continuano a registrare incidenti e vittime a causa di slavine e valanghe sulle nevi del nord Italia – spiega il presidente Carlo Rienzi – I Prefetti delle aree interessate e segnalate come a forte rischio slavine devono disporre la chiusura immediata delle piste da sci e degli impianti sciistici, poiché la salute dei cittadini viene prima degli interessi degli operatori turistici».
«Le autorità competenti devono inoltre mettere in atto controlli a tappeto per fermare gli sciatori più incoscienti – conclude – Se ciò non sarà fatto, gli stessi Prefetti potranno essere chiamati a rispondere di incidenti, feriti e vittime che si registreranno sul territorio italiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano