17.1 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Michael Schumacher in coma dopo una caduta sugli sci

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Michael Schumacher è in coma. Il campione tedesco di Formula 1 è tra la vita e la morte dopo il grave incidente sugli sci della mattina di domenica a Meribel in Valle d’Aosta. Il pilota, arrivato nell’ospedale di Grenoble in stato confusionale e senza essere in grado di rispondere alle domande dei medici, è stato operato una seconda volta questa mattina e si trova ora in uno stato di «severo traumatismo cranico». Il bollettino medico non è affatto rassicurante: «La situazione resta critica – fanno sapere dal nosocomio – ci sono lesioni cerebrali diffuse, al momento è nel reparto di rianimazione e non possiamo pronunciarci sul suo futuro. Nella notte abbiamo ridotto l’edema cerebrale. E’ in coma artificiale per limitare la crescita della pressione intercranica».
L’incidente è avvenuto ieri mattina, quando Schumacher stava sciando fuoripista con il figlio 14enne a Meribel, località montana dove possiede uno chalet. Il pilota indossava il casco, non obbligatorio per i maggiorenni. Anche se è uno sciatore esperto, ha perso il controllo nella neve fresca e ha colpito una roccia con la parte destra della testa. L’impatto è stato talmente violento da frantumare il casco. «Senza non sarebbe arrivato vivo in ospedale» ha spiegato un medico. Il campione di F1, come detto, è stato trasportato all’ospedale di Grenoble già in coma.
La moglie Corinna e i figli Gina, Maria e Mick si sono subito precipitati al nosocomio, seguiti, nella notte, da Jean Todt, patron della Federazione internazionale dell’automobile e Ross Brawn, direttore della scuderia Mercedes. Ora, il mondo della Formula 1 si stringe attorno a Schumacher. «Questa è stata una triste notte. Michael questo è il più importante Gp della tua vita e lo devi vincere. Schumacher è stato un padre per me in Formula 1 (e lo sarà), mi è stato accanto in ogni momento della mia carriera» sono le parole di Sebastian Vettel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano