12.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Claviere, 15enne muore travolto da una valanga: un indagato per omicidio colposo

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Bardonecchia, Pila e ora anche Claviere. Tre scenari in cui negli ultimi giorni si sono consumate le tragedie. Aumenta così il numero delle vittime. L’ultima, quella in alta Val di Susa, ha visto rimanere sepolto sotto la valanga di neve Riccardo Capitanio, 15 anni, studente del liceo D’Azeglio, figlio di un noto architetto.
All’ora di pranzo, a 2500 metri di altezza, una slavina si è staccata dalla montagna mentre il giovane si trovava fuoripista.
Non era solo Riccardo, con lui, nella pericolosa discesa c’era anche Luca Motta, il fidanzato 25enne della sorella, che ha lanciato l’allarme subito dopo la tragedia.
I due erano soli, la sorella di Riccardo era rimasta nella casa di Monginevro, mentre i genitori erano in vacanza in Giordania, immediatamente rientrati alla notizia della morte del figlio.
Luca è accusato di valanga colposa e omicidio colposo. La polizia di Bardonecchia sta tentando di ricostruire l’accaduto: è probabile che i due non fossero da soli in quel punto, data la grande affluenza di sciatori, e che quindi a provocare la slavina sia stato qualcun altro.
Intanto la Procura di Torino ha aperto un’inchiesta. Il procuratore Raffaele Guariniello ha detto: «Stiamo facendo accertamenti per capire la dinamica dell’accaduto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano