15.7 C
Torino
lunedì, 21 Settembre 2020

Perché Martina ha fatto bene ad invitare Di Maio alla Festa de l’Unità

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...
Saverio Mazza
Saverio Mazza
Si occupa di politica e informazione. Responsabile Organizzazione del Partito Democratico di Torino.

L’invito alla Festa de l’Unità nazionale al leader dei Cinque Stelle, il vicepremier Luigi Di Maio, sembra aver scatenato molte reazioni contrarie. È pur vero che difficilmente vengono fuori le posizioni a favore, quando il grido proveniente dalla “pancia” è più forte, più acuto.
Su questo tema, però, sarebbe sempre opportuno far spazio alla ragione, alla Politica, al confronto. Confronto che non necessariamente deve essere letto come “inciucio”, come “apertura politica” intesa come tattica.
Le Feste de l’Unità, ho sempre sostenuto nel mio piccolo, non possono essere l’Aventino del Partito Democratico.
Fa specie rimproverarsi durante l’anno per quanto il PD sia arroccato su sé stesso, che parli solo al suo interno, e poi quando viene il momento più importante di confronto, lo eviti.
È vero, le Feste de l’Unità rappresentano in primis un momento di “festa” per coloro che credono nel PD, vi militano. Qualcuno legittimamente dice “è la nostra Festa”, perché gli altri devono approfittare della nostra vetrina?
Ecco il punto è questo.
Una vetrina deve essere aperta verso l’esterno, visibile a chiunque, non può chiudersi e aprirsi a seconda del passante. E il PD dovrebbe essere così.
La più grande debolezza è la paura del confronto, anche quando di paura non si tratta, ma è solo orgoglio fine a sé stesso.
Anche a Torino in questi anni ci si è sforzati, non sempre riuscendoci come io personalmente avrei voluto (ma lo ritengo ovvio e legittimo dato che non è la mia festa personale), di proporre un format diverso. Dall’intenzione di invitare (mai formalizzata però) la sindaca Appendino nel 2016, dal preparare un confronto tra Zagrebelsky e Violante sul Referendum costituzionale nel 2017, cosa che, anche lì, fu accettata con enormi mal di pancia, ma che si concretizzò in uno dei dibattiti più interessanti e partecipati della Festa, fino a pochi giorni fa, quando naturalmente di concerto con il segretario Metropolitano, abbiamo formalizzato l’invito alla sindaca a confrontarsi sul tema Olimpiadi (per la cronaca, invito non accettato).
Quindi il mio auspicio è che il PD accetti le sfide, ma soprattutto inizi a lanciarle.
Chiunque salirà su quei palchi, dovrà essere consapevole delle nostre posizioni e, se necessario, anche del nostro dissenso. Chi non accetta di venire a parlare, ha perso in partenza un’occasione di confronto, e allora si, si tratta di paura. Ma non la nostra.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

Il Covid svela il segreto di Pulcinella: precariato usato, abusato, malpagato

L'emergenza Covid sbatte in faccia, a chi faceva finta di non vedere, l'uso e l'abuso del precariato nel mondo del lavoro che...

Recovery Fund e agricoltura, Carenini (Cia Piemonte): “Fondi per rilanciare il settore”

Agricoltura, patrimonio della nostra economia. Un settore che durante il lockdown non si è è fermato, e che oggi conta di poter...

Febbre a scuola, il Tar respinge il ricorso del Ministero contro l’ordinanza di Cirio

Il Tar del Piemonte non ha accolto la richiesta del Governo di una sospensiva d’urgenza in via monocratica per l’ordinanza della Regione...

No Tav, Dana Lauriola è stata arrestata. Tensione tra attivisti e polizia a Bussoleno

E' avvenuto questa mattina all'alba l'arresto di Dana Lauriola, storica attivista No Tav e militante del centro sociale Askatasuna, condannata a due...

RU 486, Appendino contro la Regione: “Becera propaganda sul corpo delle donne”

La sindaca di Torino Chiara Appendino interviene in merito alla proposta della giunta regionale del Piemonte di abolire la somministrazione della pillola...