20.6 C
Torino
mercoledì, 27 Maggio 2020

Per il 9 dicembre promettono rivolta aspettando un colonnello al governo

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Nova Coop, 2,6 milioni di premio salario variabile collettivo ai dipendenti

NovaCoop, cooperativa piemontese di consumatori del sistema Coop, darà ai dipendenti un premio di salario variabile collettivo, che complessivamente supera i 2,6 milioni di...

Farinetti, Eataly: “Serve il prelievo forzoso sui conti degli Italiani per la ricostruzione”

Oscar Farinetti il proprietario Eataly, intervistato dal "Fatto Quotidiano", ha paventato una soluzione che secondo lui potrebbe risolvere il problema di come finanziare la...

“Italia ciao”, Povia cambia “Bella ciao” e fa infuriare gli antifascisti (VIDEO)

Il cantautore Giuseppe Povia, come aveva annunciato, ha rivisitato la canzone dei partigiani "Bella ciao", cambiando il testo in "Italia ciao". Una perfomance andata in...

Cronaca della notte di tensione al Caat

È tornata la normalità al mercato agroalimentare di Grugliasco, il Caat. Una notte difficile quella appena trascorsa. Una notte in cui la tensione ha...
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

La data del 9 dicembre corre senza freni dentro i post dei social network. Minacciosamente diventa la data della rivolta, il giorno in cui i «parassiti verranno mandati a casa». Si parla nelle strade di un appuntamento importante mentre volantini rossi e neri minacciano che l’Italia si fermerà dal «9 al 13 dicembre perché ribellarsi è un dovere».
Un volantino firmato tra gli altri da Liberi Imprenditori Federalisti Europei, Movimento dei Forconi, Cobas Latte, Movimento Autonomo Autotrasportatori, Azione Rurale Veneto, Life Veneto, avvisa che da lunedì 9 dicembre gli italiani incroceranno le braccia.
«Da Pordenone a Lampedusa il popolo italiano unito si ribella e pacificamente chiede che siano cacciati i corrotti, i parassiti, e gli incapaci che hanno condotto al disastro economico e sociale il nostro Paese. A tutti gli italiani chiediamo di partecipare compatti e uniti per fermare un declino, che poteva essere tranquillamente evitato, che dura da trent’anni. Viva l’Italia e che Dio ci benedica tutti», scrivono su Facebook i novelli rivoluzionari.
E si sono ritrovati anche a Torino in una bocciofila di San Mauro. A parlare a una sala abbastanza piena è Danilo Calvani, contadino di Latina, che in questa lotta fatta di passaparola ci crede. In verità le parole di Calvani sono simili a tante altre ascoltate da chi fa del qualunquismo e del populismo un’ideologia. Non manca nulla: dalla meritocrazia ai “traditori della Costituzione”. Poi si dimentica della Carta quando, sbilanciandosi, spiega che dopo la caduta del governo ne servirà uno temporaneo che alla guida veda una figura militare.
Non aggiunge molto altro su questo argomento anche perché vengono i brividi a sentir parlare in questi termini. Quella voglia di colonnelli che sinceramente fa accapponare la pelle. Ma chi c’è dietro a questa protesta? Parte tutto dal famoso movimento dei forconi che anni fa dalla Sicilia riuscì a bloccare gran parte della Penisola facendo parlare di sé per settimane e che trovò simpatie anche dell’estrema destra.
Oggi a Torino invece, dice chi sta monitorando il fenomeno nel capoluogo, pesca tra gli ambulanti. Infatti, le bancarelle dei mercati lunedì 9 potrebbero non essere montate. La Questura è in preallarme: si aspettano dei blocchi stradali in corso Romania, all’imbocco della Torino-Milano.
Rimbombano ancora però quelle parole pronunciate nella bocciofila di un militare al governo che riportano alla mente i giorni bui, dove il “Piano Solo”, il golpe di Stato targato De Lorenzo, avrebbe potuto cambiare la storia democratica del nostro Paese.
Il leader del “Comitato 9 dicembre 2013” probabilmente ha voluto spararla grossa.
Ma sarebbe sbagliato far passare sotto traccia questo atteggiamento, queste mire dove la ricerca di un uomo forte che salvi la patria smentiscono solo il detto ciceroniano “historia magistra vitae”, e dimostrano che c’è sempre chi vuole cavalcare senza ritegno la disperazione della gente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano

In Piemonte Lega esclude i Sexy shop dal bonus da 1.500 euro

In Piemonte la Lega fa escludere i sexy shop dal Bonus da 1.500 euro che sarà erogato ai piccoli commercianti con il...

Appendino bis, Carretta (PD): “Guardare oltre politica anestetizzata”

Parole dure, accompagnate da un'immagine della sindaca di Torino Chiara Appendino con l'assessora ai Trasporti Maria Lapietra, la ministra all'Innovazione ed ex...

Piemonte, obbligo di mascherina anche all’aperto per il ponte del 2 giugno

Obbligo di mascherina anche all'aperto nei giorni del ponte del 2 giugno, in Piemonte, come ha spiegato ai microfoni della trasmissione 'Centocittà'...

Il rettore del Politecnico Guido Saracco: “Riaprite le scuole”

Il rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, primo ospite degli Avio Aero Talk, appuntamenti virtuali organizzati dall'azienda per i propri lavoratori, spiega...

Ma qualcuno si degna di controllare il cantiere del complesso universitario Aldo Moro?

Osservando da vicino il cantiere del complesso edilizio Aldo Moro, dove sta sorgendo il cosiddetto campus urbano dell'Università di Torino, non si...