7.7 C
Torino
sabato, 25 Maggio 2024

Papa Francesco bacchetta i politici: “Allontanandovi dal popolo scivolate nella corruzione”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Alessandra Del Zotto
Papa Francesco non fa sconti. Neanche ai politici nostrani che questa mattina si sono recati a San Pietro per la messa a loro dedicata e che, durante l’omelia, sono stati oggetto delle critiche per nulla velate del pontefice.
Presenti di fronte all’altare della Cattedra ben 500 tra deputati e senatori oltre al governo Renzi quasi al completo. In primo banco i presidenti di camera e senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, e i ministri Angelino Alfano, Maria Elena Boschi, Stefania Giannini, Maurizio Lupi, Andrea Orlando, Marianna Madia, oltre al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio.
«Al tempo di Gesù – ha esordito papa Francesco – c’era una classe dirigente che si era allontanata dal popolo, lo aveva abbandonato, incapace di altro se non di seguire la propria ideologia e di scivolare verso la corruzione».
Ed è proprio contro questo male irreparabile, la corruzione, che Bergoglio ha messo in guardia la classe politica italiana che, al pari di quella ebraica di secoli addietro, sarebbe colpevole di essersi «chiusa nel proprio gruppo, partito, nelle proprie lotte interne». Nella basilica un silenzio di tomba, interrotto solo da qualche (imbarazzato) colpo di tosse.
«Il cuore di questa gente – ha continuato il papa – con il tempo si era indurito tanto, tanto, tanto che era impossibile sentire la voce del Signore. E da peccatori, sono scivolati, sono diventati corrotti». Difficile se non anche impossibile, ha concluso, tornare indietro una volta intrapresa questa strada guidata dalla logica della necessità e non da quella del bene comune.
Uomini di buone maniere ma di cattive abitudini, li ha definiti papa Francesco mettendo in guardia la classe politica dalle conseguenze del loro comportamento. Non solo su questa terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano