13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Ortomobile che passione: 70 scuole espongono i loro i prodotti a Palazzo Cisterna

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’Angelo

La coscienza ambientalista  è un processo che si può sviluppare con efficacia anche imparando a coltivare fiori e ortaggi, specie coinvolgendo i più piccoli.
E’ questo l’obiettivo di “Ortomobile”. La manifestazione  alla sua seconda edizione, vedrà  coinvolti i bambini di ben 70 scuole comprendenti nidi, scuole  dell’infanzia e primarie torinesi, che esporranno le loro cassette con i frutti del loro impegno botanico nell’orario scolastico.
Inutile aggiungere quale entusiasmo ed emozione può dare a qualsiasi  età il vedere sbocciare un fiore o una pianta che si è seminata. Tanto più nel cuore della città.

L’appuntamento con “Ortomobile, un’esperienza di Community School Garden”  è per sabato 21 maggio dalle ore 10.30 alle 17.30 a Palazzo Cisterna in via Carlo Alberto. Oltre ad esporre le loro cassette i bambini terranno dei mini corsi di orticoltura. Il programma prevede anche  il laboratorio gioco a cura di Slow Food  “Semi e legumi: giochiamo sui sensi”.  Per le curiosità di grandi e piccoli sui  tanti misteri e curiosità che possiamo trovare nelle piante e gli alberi, non nella foresta, ma nei viali e nei parchi cittadini torinesi, saranno presenti dei tecnici del Settore Verde Pubblico.

Il discorso del coinvolgimento dei bambini nella realizzazione di orti  didattici apre a discorsi e tematiche fondamentali  legate all’educazione alimentare e al rispetto e la difesa dell’ambiente partendo dai consumi consapevoli.
Un passo importante in una città dove molti bambini hanno già visto l’impegno e l’importanza dei nonni coinvolti nel fenomeno degli orti urbani.
Certamente l’esperienza diretta nel vedere il seme piantato crescere e diventare con le dovute cure una bellissima pianta è un fatto che lascerà un segno verde e “seminerà” buoni valori e saggi comportamenti  nei cittadini del futuro nel rispetto del verde e del bene pubblico.
L’ottima iniziativa ha visto il coordimamento del Laboratorio Città sostenibile di ITER, Cascina Falchera, Servizio Ristorazione Scolastica, Ufficio Educazione Ambientale del Servizio Verde Gestione e  Condotta Slow Food Torino.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano