15.5 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Fassino: “A Torino asili nido gratis per le fasce deboli”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Asili nido gratis per fasce di reddito Isee più basse: è la proposta lanciata dal sindaco Piero Fassino durante un incontro elettorale “Facciamo rete. Bambini, famiglie, città.
All’incontro oltre a Fassino, hanno partecipato il sottosegretario al Welfare Franca Biondelli, Maria Grazia Pellerino ed Elide Tisi, assessori uscenti della Giunta comunale.
«In questi anni Torino, nonostante la crisi – dice Fassino – ha mantenuto standard elevati per i servizi all’infanzia, sopra la media nazionale e sopra quella delle regioni del nord: il 37% dei bambini a Torino frequenta l’asilo contro una media nazionale dell’11%. Il Comune offre 916 servizi all’infanzia, nessun servizio è stato ridotto, alcuni sono stati potenziati».
Il sottosegretario Biondelli ha rimarcato come il governo stia puntando molto su questo tema con il Piano Infanzia e Adolescenza, già approvato dalla Bicamerale Infanzia-Adolescenza, dal Garante per l’Infanzia e in attesa dell’ok da parte del Consiglio dei Ministri, e con il Fondo per Infanzia e Adolescenza. Anche per questo provvedimento l’iter è a buon punto.
«E’ passato il 5 maggio in Conferenza Unificata – ha detto Biondelli – ora va controfirmato dai Ministeri Economia e Lavoro, cosa che dovrebbe accadere entro fine estate. Prevede – ha aggiunto – un investimento di 28 milioni di euro da destinare alla 15 città “riservatarie”, ovvero che hanno presentato progetti ad hoc, come Torino».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano