14.8 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Omicidio Rosboch: Nessun tesoro nella cassetta di sicurezza di Roberto Obert

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Moreno D’angelo

Non c’è nessun tesoro nella cassetta di sicurezza aperta dai carabinieri. Continua ad essere alta l’attenzione per l’omicidio dell’insegnante di Castellamonte Gloria Rosboch scomparsa il 13 gennaio.
 Ci si aspettavano possibili nuovi sviluppi con l’apertura della cassetta di sicurezza intestata ad uno dei tre  accusati: il  presunto omicida  Roberto Obert, 53enne di Forno Canavese, agli arresti. Nel mirino degli inquirenti anche i suoi diversi conti e un livello di vita ritenuto alto per il pensionato.  Ma all’interno sono stati trovati solo buoni fruttiferi  per un valore di 20mila euro.
Non vi era traccia invece dei 187mila euro che l’altro accusato, Gabriele Defilippi,  si era fatto consegnare nel 2014 dalla vittima per poi sparire dopo aver promesso  una vita insieme in Costa Azzurra.
Insieme a Defilippi è stata arrestata per concorso nell’omicidio  anche sua madre Caterina Abbattista.  
Le attenzioni sulla cassetta sono frutto delle indicazioni dell’ex allievo della insegnante Gabriele Defilippi, giovane amante di Obert ,  a cui avrebbe consegnato il denaro ricevuto  dalla Rosboch. Ora tra i due ex amanti è un vortice di accuse reciproche che tendono a scaricare le colpe legate alla tragica vicenda.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano