21.3 C
Torino
martedì, 28 Maggio 2024

Italicum, per il Tribunale di Messina è incostituzionale

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Bernardo Basilici Menini

Guai in vista per l’Italicum, quando ancora il cammino per il referendum è lontano. Il Tribunale di Messina, infatti, ha investito la Corte Costituzionale sulla questione di illegittimità costituzionale della nuova legge elettorale, sollevata dagli avvocati  Enzo Palumbo, già Senatore e membro del CSM, Tommaso Magaudda, Francesca Ugdulena, Giuseppe Magaudda.

Il Tribunale di Messina, infatti, ha ritenuto “non manifestamente infondate sei delle tredici questioni di incostituzionalità sollevate, tra le quali la lesione del principio della rappresentanza territoriale e ai principi della rappresentanza democratica, la mancanza di soglia minima per accedere al ballottaggio, l’impossibilità di scegliere direttamente e liberamente i deputati, l’irragionevolezza delle soglie di accesso al Senato (residuate dal vecchio Porcellum).

La palla passa quindi, ufficialmente, alla Corte Costituzionale.

Arrivato a stretto giro il commento del Ministero dell’Interno e leader del Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano: «Siamo in Italia, è abbastanza normale che una legge prima ancora di essere applicata viene impugnata alla Consulta. Ho un approccio sempre molto tranquillo e laico sulle leggi elettorali, servono a contare i voti, ma i voti li devi prendere».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano