13.7 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

Omicidio Musy, chiesto l’ergastolo per Furchì

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Ergastolo, con sei mesi di isolamento diurno, per Francesco Furchì, accusato dell’omicidio del consigliere comunale Alberto Musy. È questa la pena chiesta dal pubblico ministero Roberto Furlan per l’imputato dell’assassinio del consigliere di Torino, ferito a colpi di pistola in un agguato sotto la propria abitazione il 21 marzo 2012, e morto dopo diciannove mesi di coma.
Furchì è accusato di omicidio volontario con le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi.
Il pm Furlan ha sostenuto che «la colpevolezza di Furchì è una cosa banale» e ha sostenuto che ci sono «collegamenti con la criminalità organizzata per la provenienza della pistola». Poi ha consegnato alla Corte una memoria di oltre 100 pagine in cui illustra quelle che ritiene le prove della colpevolezza dell’imputato. «La mia preghiera – ha detto – è di leggerla dieci volte, perché riguarda una serie di vicende molto complicate, fino ad averla metabolizzata».

@ElisaBellardi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano