23.6 C
Torino
lunedì, 15 Luglio 2024

Le Troiane di Euripide tutte al femminile al teatro Gobetti

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Mara Martellotta
Al teatro Gobetti sono in scena fino al 14 dicembre prossimo i “Frammenti da una tragedia”, ovvero “Le Troiane  di Euripide”, da un progetto elaborato da Mandracchia, Reale, Toffolatti e Torres, con Gianna Giachetti, Manuela Mandracchia, Sandra Toffolatti e Mariàngeles Torres, accompagnate da musiche dal vivo eseguite da Francesco Santalucia. La pièce è nell’ambito della stagione della Fondazione del Teatro Stabile di Torino.
La guerra di Troia è finita. Dopo dieci anni di assedio, della città di Priamo non restano che macerie e un immenso rogo. E poi i cadaveri, dei vinti e dei vincitori. Se la guerra cantata da Omero rappresenta l’archetipo di ogni conflitto, oltre il mito ci sono però le vite degli uomini e delle donne. Alle donne dei vinti – umiliate, lacerate dal dolore, svendute come bottino di guerra – è dedicata la tragedia di Euripide, di cui il collettivo Mitipretese porta in scena una riduzione, intrecciata ai versi di Seneca e interamente concentrata sulle quattro protagoniste. Elena, la straniera simbolo dell’eterno femminino; Andromaca, vedova di Ettore e madre del piccolo Astianatte, sacrificato all’arroganza dei vincitori; Cassandra, la veggente inascoltata che già medita vendetta; Ecuba, la grande madre attorno a cui tutte si stringono, attendendo il proprio destino su una spiaggia dell’Asia minore. Quest’ultimo ruolo vede la partecipazione di Gianna Giacchetti, grande artista del panorama italiano, con la quale Mitipretese ha il piacere di lavorare per la prima volta. Si tratta di una rivisitazione della tragedia euripidea con contaminazioni da Ovidio, Seneca e Sartre. Ecuba, Cassandra, Elena e Andromaca simboleggiano il coraggio e la forza delle donne nel riaffermare la vita al di sopra di ogni violenza e guerra. Le protagoniste femminili sono figure mitiche, ma soprattutto madri, sorelle e figlie, accomunate dal fatto di essere tutte vittime colpite da una perdita. Lo spettacolo, che è stato presentato nel 2013 sotto forma di studio a Tindari e ha riscosso poi molto successo nei maggiori teatri greci e romani, merita anche per la sua interpretazione tutta al femminile, con puliripremiate attrici, registe di se stesse.
 
 INFO:
Orari degli spettacoli: martedì e giovedì ore 19.30; mercoledì, venerdì e sabato ore 20.45; domenica ore 15.30.
Prezzo dei biglietti: Intero € 27,00. Ridotto di legge (under 25 – over 60) € 24,00.
Biglietteria del Teatro Stabile di Torino | Teatro Gobetti – via Rossini 8, Torino
Dal martedì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 19.00. Domenica e lunedì riposo.
Tel. 011 5169555 – Numero verde 800235333
Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it
 
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano