12.5 C
Torino
venerdì, 31 Maggio 2024

Omicidio di via Ciamarella: confessa il buttafuori

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Una vicenda di compravendita di droga finita male. Questo è il movente dell’omicidio di via Ciamarella. Fulvio Marcello Cannata, 42 anni, buttafuori di Val della Torre, ha accoltellato a morte il giovane pusher, un senegalese di 16 anni, dopo un litigio. Il ragazzo non aveva intenzione di vendere la dose al Cannata, perché c’era un debito in sospeso.
I due si sono incontrati nell’auto del buttafuori, un’Opel Astra, in via Ciamarella, per lo scambio denaro-dosi. Ma l’uomo, come da lui stesso confessato ai carabinieri dopo l’arresto, non è riuscito a farsi dare la droga a credito dallo spacciatore. Da qui la reazione violenta: il Cannata ha accoltellato al petto il senegalese, che ferito a morte e riuscito ad uscire dalla vettura per poi accasciarsi a terra in una bozza di sangue.
I carabinieri sono arrivati al 42enne, che sulle spalle aveva numerosi precedenti, grazie al telefonino del giovane. Dal traffico telefonico gli uomini dell’Arma sono risaliti all’assassino, il quale ha confessato, facendo ritrovare l’arma del delitto.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano