13.1 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Omicidio Bruno Caccia, a giudizio Rocco Schirripa, il presunto killer

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il giudice delle indagini preliminari di Milano Stefania Pepe ha accolto la richiesta di giudizio immediato, formulata dai pubblici ministeri Ilda Boccassini e Marcello Tatangelo, per Rocco Schirripa, accusato di essere l’autore materiale dell’omicidio del procuratore di Torino Bruno Caccia, ucciso a colpi di pistola sotto casa il 26 giugno 1983.
Il processo si aprirà il 3 luglio davanti ai giudici della Corte d’Assise di Milano e si svolgerà con rito ordinario, in quanto i difensori di Schirripa, in carcere dallo scorso 22 dicembre quando fu arrestato dalla squadra mobile di del capoluogo piemontese, hanno annunciato che non chiederanno riti alternativi.
Per il delitto Caccia è già stato condannato all’ergastolo a titolo definitivo il mandante, Domenico Belfiore, ai domiciliari da alcuni mesi per motivi di salute. Schirripa, che negli ultimi anni faceva il panettiere, sarebbe invece l’esecutore materiale.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano