17 C
Torino
giovedì, 30 Maggio 2024

Non si uccide così una mamma orso

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un proiettile con una fiala piena di anestetico e una mamma orso, si chiamava Deniza, non c’è più. Morta ammazzata, incredibilmente, da una “malasanità” che è in grado di colpire ovunque e anche il regno animale. Domanda, anzi due? Ma che cavolo c’era dentro quella soluzione che avrebbe dovuto addormentare la povera bestia piuttosto che ucciderla? Non si è posto il problema “chimico” colui che ha messo nel fucile la micidiale pozione? È andata così. Ma non va niente bene. 
È vero che, per ogni secondo che passa, se ne vanno all’altro mondo bambini, donne, uomini e non per cause naturali. Guerre assortite, malattie più o meno misteriose provocate di virus creati in laboratorio, attentati, denutrizione, incidenti sul lavoro, disattenzioni sanitarie, decessi per overdose, morti bianche sulle strade e sicuramente ne stiamo scordando un bel po’ di altre.
In ogni caso ciascuna di quelle morti non è casuale ma frutto della nostra inclinazione a vivere la vita “contro” sempre e in ogni situazione: Contro la natura, contro la logica, contro il buon senso, contro la misericordia, contro le normali regole della partecipazione e della solidarietà. In una frase contro noi stessi.
Ho sempre odiato la teoria del filosofo Hobbes il quale affermava che homo homini lupus. Ho sempre tentato di autoconvincermi su quanto più sano e più bello fosse pensare come Voltaire e tutti gli illuministi. Oltre il bel mezzo del cammin della vita, temo che dovrò ricredermi. Oggi un pezzettino di più. Leggendo la cronaca di un assassinio compiuto nel bosco e riflettendo sulle “colpe” di mamma orso che non aveva chiesto lei di essere portata in quel parco naturale, dieci anni fa, dove non trovando più cibo in giro per sé e per i suoi cuccioli aveva “osato” violare una fattoria e predare due polli e una pecora. Tre animali, tra l’altro, destinati alla mensa del contadino. Un delitto terribile compiuto da chi uccide per istinto e per sopravvivenza e non per avidità e interesse. Una schifezza, insomma. Non si uccide così una mamma orso.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano