20.6 C
Torino
mercoledì, 24 Luglio 2024

Napoli vince al Coppa Italia: battuta la Juve ai rigori

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Il Napoli ha vinto la Coppa Italia, dopo una finale combattuta contro la Juventus.
Una vittoria che è arrivata ai rigori, dopo lo 0-0 dei novanta minuti.

Ai rigori pesanti gli errori dei bianconeri e finisce 4-2 dopo i calci di rigore. Ecco la sequenza: Dybala parato, Insigne gaol, Danilo alto, Politano gaol, Bonucci gaol, Maksimovic gaol, Ramsey gaol, Milik gaol. 

Il Napoli avrebbe meritato anche prima di arrivare ai rigori: più occasioni goal, due pali. Gli uomini di Gattuso, in un Olimpico di Roma deserto per l’emergenza Coronavirus, hanno giocato meglio della Juventus di Sarri.

Come detto nei 90 minuti la squadra di Sarri parte meglio ma è il Napoli, soprattutto nel finale ad avere le occasioni migliori, l’ultima in pieno recupero con miracolo di Buffon e palo che salva i bianconeri, prima dei penalty dove per la Juve sbagliano prima Dybala e poi Danilo lasciando al Napoli il trofeo grazie alle reti di Insigne, Politano, Maksimovic e Milik. 

Il Napoli aveva vinto l’unico precedente in finale con i bianconeri: 2-0 nell’edizione 2012 e si è ripetuto oggi ai rigori.

Per l’occasione Gattuso deve rinunciare a Ospina, squalificato, e tra i pali schiera Meret. Poi altre 3 novità rispetto alla squadra che ha eliminato l’Inter, in difesa Mario Rui al posto di Hysaj, a centrocampo rilancia dal 1′ Fabian Ruiz al posto di Elmas e davanti restituisce una maglia da titolare a Callejon, rispedendo in panchina Politano. Mentre Sarri cambia una sola pedina nell’undici che ha pareggiato con il Milan.

Dentro Cuadrado che gioca terzino destro al posto di Danilo. Confermati Pjanic e Douglas Costa. La Juventus parte subito forte e al 5′ Maksimovic con un passaggio errato all’indietro serve in area Dybala che da sinistra centra subito per Ronaldo il cui interno destro è sventato con un bel tuffo sulla sinistra da Meret. Al 20′ Bentancur prova il destro dai 25 metri ma Meret blocca in due tempi.

Il Napoli poi dopo un avvio incerto si scrolla di dosso l’iniziale timidezza e prova a dare continuità al proprio gioco e al 24′ colpisce un palo con Insigne che su punizione calcia a giro e colpisce il legno esterno alla destra di Buffon. La squadra di Sarri reagisce e poco dopo arriva un lancio in area sulla sinistra per Dybala: palla leggermente troppo lunga, esce Meret e blocca in presa bassa.

Al 35′ ancora Ronaldo protagonista, va via sulla destra a Koulibaly e cade, leggermente spinto dal difensore azzurro ma Doveri lascia correre. Ancora Cr7 al 39′ lanciato da Dybala viene anticipato di poco da Meret in uscita bassa. Sul finire di primo tempo ancora Napoli pericoloso: al 41′ dopo un cross dalla sinistra di Insigne, sventato di testa poco prima della linea da Sandro, la palla arriva in area sulla destra a Demme che vince un rimpallo e calcia di destro sul primo palo ma Buffon mette in angolo con i piedi.

Passa un minuto e la formazione partenopea va ancora vicino al gol: al 42′ sugli sviluppi dell’angolo dalla destra, la palla arriva a Insigne il cui destro a giro è messo in angolo da Buffon.

 Ad inizio ripresa la Juve si riaffaccia in avanti. Sull’angolo dalla destra di Pjanic, allontanato di testa da Rui, arriva Matuidi che prova il sinistro al volo ma la palla termina alle stelle. Il Napoli di Gattuso ribatte subito il colpo e al 52′ sugli sviluppi di un angolo Callejon prova il destro a giro ma la palla termina alta. Poco dopo Zielinski serve Ruiz il cui sinistro a giro da termina 2-3 mt oltre l’incrocio alla destra di Buffon.

La Juve non sfonda con gli attaccanti e ci prova Bonucci da 30 metri ma la conclusione centrale è bloccata da Meret. Gattuso manda in campo Politano e Milik per Callejon e Mertens. Al 68′ Politano prova subito il sinistro da fuori ma Buffon si getta sulla sinistra e blocca. Al 72′ altra occasione per il Napoli: cross basso dalla trequarti destra di Di Lorenzo per Milik che, tutto solo, da dentro l’area calcia altissimo. La Juve sembra in flessione fisica e il Napoli tenta l’affondo. All’82’ cross dalla sinistra di Hysaj, da poco entrato insieme ad Allan, per Politano che di testa da pochi passi manda il pallone centralmente tra le braccia di Buffon. Un minuto dopo Politano dalla destra crossa dalla parte opposta per l’accorrente Insigne che stoppa e poi di sinistro di controbalzo calcia di poco oltre l’incrocio dei pali. Sarri dopo Danilo fa entrare anche Ramsey forse in vista dei calci di rigore.

In pieno recupero occasionissima del Napoli, al 92′ sull’angolo di Politano svetta Maksimovic che costringe Buffon a salvare in tuffo sulla linea; sulla respinta arriva Elmas che da due passi calcia addosso a Buffon a terra che devia la palla sul palo alla sinistra del portiere. La Juve si salva e si va ai calci di rigore. Ma dal dischetto in bianconeri non si riscattano. Dybala si fa parare il primo rigore da Meret, poi la rete di Insigne e il secondo errore bianconero di Danilo che calcia altissimo.

Napoli ancora in rete con Politano, poi il gol di Bonucci dopo aver toccato la traversa e la rete del napoletano Maksimovic. Segna poi il bianconero Ramsey e infine è Milik a decretare il meritato successo del Napoli per 4-2. 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano