13.2 C
Torino
lunedì, 27 Maggio 2024

Monica Cerutti, lacrime da rinvio a giudizio

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Non ha retto alla tensione e si è commossa durante la conferenza stampa Monica Cerutti, assessore alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità della Regione Piemonte. Dopo la notizia che per lei, e vicepresidente della Regione Aldo Reschigna, è stata chiesta l’imputazione coatta nell’inchiesta delle “spese pazze”, il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino ha convocato una conferenza stampa, ma davanti ai microfoni, la Cerutti, eletta dalle liste di Sinistra Ecologia e Libertà non è riuscita a trattenere le lacrime.
«Rispetto le decisioni dei magistrati – ha affermato Cerutti – e non credo si debbano commentare. Sto vivendo un momento molto difficile – ha aggiunto, con voce tremante un attimo prima di cedere – mettere in dubbio onestà e correttezza è la cosa peggiore che possa capitare a un politico. Dubitare di questo è una cosa che mi fa stare male» spiega.
«Mi hanno però confortata la fiducia confermatami dal presidente e i tanti messaggi di sostegno arrivati in queste ore» conclude l’assessore, ormai in lacrime, ma che si dice fiduciosa di poter spiegare tutto davanti al giudice.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano