6.4 C
Torino
martedì, 9 Marzo 2021

Minacce anarchici, Appendino: “Proseguiamo nostro lavoro”

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Più letti

Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

La sindaca di Torino Chiara Appendino è tranquilla dopo le minacce nei suoi confronti durante il corteo di ieri sera da parte degli anarchici sgomberati dalla palazzina occupata di Corso Giulio Cesare 45

“L’effetto di ieri è che purtroppo i cittadini dovranno pagare danni fatti da alcune persone. Noi andiamo avanti nel ripristino della legalità, che si accompagna peraltro all’accompagnamento sociale” ha commentato Appedino dicendosi tranquilla dopo le minacce ricevute. “Dobbiamo tutelare ordine pubblico, sicurezze e fragilità e continueremo a farlo. Significa dover essere sotto scorta? Ne ero consapevole”, aggiunge rispondendo ai giornalisti all’uscita dal Comune.

Sullo sgombero di ieri la prima cittadina ha precisato come si sia trattato di “un’operazione necessaria per tutelare la sicurezza di alcune persone, in particolare i nuclei più fragili, di cui la Città si è fatta carico”. “Abbiamo preso in carico 18 persone – spiega -, tra cui dei minori, grazie a un lavoro iniziato anni fa con un piano di inclusione sociale che ha portato ad avere circa tremila persone in carico e ad aumentare la capacità abitativa di circa 300 unità. Il messaggio di ieri – conclude – è che è giusto ripristinare la legalità e altrettanto giusto accogliere chi ha bisogno. La Città fa questo e continuerà a farlo”.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor
Nuova Società - sponsor per la tua pubblicità in questo spazio, contatta la redazione

Primo Piano