-0.4 C
Torino
venerdì, 28 Gennaio 2022

Milan, Barbara Berlusconi: “Serve un cambio di rotta nella gestione”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Un deciso cambio di rotta nella gestione del Milan, che nelle ultime due campagne acquisti non ha speso poco ma male. È quanto ha chiesto Barbara Berlusconi, membro del consiglio d’amministrazione rossonero, al padre, dopo la sconfitta contro la Fiorentina a San Siro. Un 2-0 disastroso, la quinta disfatta in dodici partite di campionato, che fa rimanere il Milan a quota 12 punti, a -16 dalla zona Champions e a sole tre lunghezze dalla retrocessione.
La presa di posizione della Berlusconi, resa ufficiale con un comunicato stampa e presumibilmente condivisa da tutta la famiglia, non riguarda per ora l’allenatore Massimiliano Allegri, ma è difficile che non coinvolga l’amministratore delegato della squadra Adriano Galliani. Voci che però Barbara smentisce: «Non ho mai chiesto il cambiamento dell’ad Adriano Galliani: nei numerosi colloqui telefonici con mio padre dopo la sconfitta con la Fiorentina ho chiesto semplicemente un cambio di filosofia aziendale per il Milan».
A provocare la crisi rossonera sarebbe stata una scarsa capacità gestionale, in particolare, come detto, nelle campagne acquisti. Perché, ha chiesto la Berlusconi, altre squadre italiane come Fiorentina e Roma, pur non spendendo di più del Milan, dimostrano un gioco più intelligente e competitivo? La risposta starebbe nell’assenza di quegli osservatori che, in altre formazioni, individuano e reclutano i talenti prima che diventino top player. Intanto, sono state programmate altre riunioni in settimana in cui la questione verrà sviscerata nel dettaglio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano