-0.4 C
Torino
venerdì, 28 Gennaio 2022

Juventus–Real Madrid, novanta minuti per restare in Champions

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

«È una partita per il nostro prosieguo in Champions League. Ma viviamo questa vigilia bellissima, con tutte le sue sfumature, orgogliosi di essere tornati a vivere giornate così». Sono queste le parole di Antonio Conte a 24 ore dalla sfida decisiva Juventus-Real Madrid, che si svolgerà domani alle 20.45 allo Juventus Stadium di Torino.
Una sfida che i bianconeri devono vincere per forza se vogliono provare a continuare la propria avventura in Champions, mentre per gli spagnoli 3 punti significherebbero un accesso immediato alla fase ad eliminazione diretta. Alla vigilia della quarta partita, infatti, il gruppo B è dominato dal Real Madrid, primo con nove punti su nove, a cui seguono Galatasaray, con 4 punti, Juventus, con 2 punti e FC Copenaghen con un punto.
Ma se i pronostici sembrano favorire le merengues, le statistiche la dicono diversamente, dal momento che le ultime cinque volte che Juve e Real si sono affrontati a Torino hanno sempre avuto la meglio i bianconeri. La probabile formazione che Conte metterà in campo è un 4-3-3, proprio come la partita di andata giocata al Bernabeu e finita 2-1 per il Real. Caceres sulla fascia destra, quindi, e dalla parte opposta Peluso. Centrocampo affidato a Pirlo, con Vidal e Pogba sulle ali, in attacco il tridente Tavez, Llorente, Marchisio. La sfida sarà arbitrata dall’inglese Howard Webb.
«Conterà anche il fattore ambientale, come ha contato a Madrid in alcune situazioni – conclude Conte – Per questo chiedo al pubblico di essere calorosissimo».

 ©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano