20.9 C
Torino
domenica, 26 Maggio 2024

Michele Paolino: “Vogliamo ristabilire il pensiero della Torino antifascista e medaglia d'oro per la Resistenza”

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Lunedì in Sala Rossa sarà battaglia. Ormai è sicuro. Sul piatto la cancellazione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini.
Trincee e combattimenti in Consiglio Comunale dunque. Angelo D’Amico di Forza Italia promette ostruzionismo per bloccare la mozione presentata dal capogruppo del Partito Democratico Michele Paolino.
Una battaglia quella di D’Amico che inizierà sulle delibere precedenti, solo per ritardare i lavori e per non arrivare a discutere la questione Mussolini.
Ma Michele Paolino ha già pronta la risposta: «Proporremo una mozione di accorpamento per rimandare le delibere al lunedì dopo».
Certo il voto per cancellare il duce dalla lista dei cittadini onorari di Torino non è una priorità amministrativa, come evidenzia il capogruppo Pd: «Noi riteniamo che una comunità si riconosce dai suoi simboli, siamo consapevoli delle priorità amministrative, ma riteniamo necessario ristabilire i simboli e il pantheon della nostra città e quindi porre rimedio a una scelta imposta fatta durante la dittatura di cui si era persa la memoria».
«Vogliamo ristabilire il pensiero della Torino antifascista e medaglia d’oro per la Resistenza», spiega ancora Paolino.
«Non vogliamo cambiare la storia ma vogliamo porre rimedio sapendo che le priorità amministrative sono altre: siamo concentrati sui bisogni dei torinesi», conclude.
 

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano