7.4 C
Torino
domenica, 19 Maggio 2024

Maxi processo No Tav, udienza sospesa per bagarre in aula, tre imputati espulsi

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

È iniziata oggi la requisitoria della Procura di Torino al Maxi processo No Tav nell’aula bunker del carcere le Vallette.
Gli imputati, 53 attivisti e simpatizzanti del movimento contro l’alta velocità, sono accusati per gli scontri con le forze dell’ordine in Valle di Susa, alla Maddalena di Chiomonte. Il primo ad intervenire in aula è il pubblico ministero Manuela Pedrotta: «Qui non ci occupiamo della legittimità e dell’opportunità della ferrovia Torino-Lione. Ci occupiamo dei gravi disordini provocati il 27 giugno e il 3 luglio 2011 da soggetti che hanno aderito al movimento No Tav, con il ricorso a una violenza estrema e ingiustificata». Le parole della pm, che ha parlato di «sfogo di istinti primordiali e di violenza estrema», non sono piaciute agli imputati e al pubblioc presente in aula, suscitando contestazioni, commenti ad alta voce, proteste e applausi di scherno da parte di pubblico e imputati. Tanto che anche Claudio Novaro, uno degli avvocati difensori ha dovuto richiedere la fine delle interruzioni continue.
Ma le sue parole non sono state ascoltate e il processo è stato sospeso per bagarre in aula, per poi riprendere a porte chiuse dopo una breve pausa, senza pubblico ma alla presenza dei giornalisti e di una decina di imputati. A causa delle contestazioni, tre gli espulsi, anche per le udienze future.

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano