12 C
Torino
mercoledì, 29 Maggio 2024

L'Anpi sui fatti del 9 dicembre a Torino

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

Nei giorni scorsi le massime Autorità che rappresentano lo Stato a Torino avevano così risposto a chi faceva loro presente le gravi azioni intimidatorie di marca tipicamente mafiosa messe in atto nei confronti dei negozianti da parte di un fantomatico “Comitato per la rivoluzione” che «non si doveva fare dell’allarmismo; che tutto era monitorato e quindi la situazione sotto controllo».
Ciò che è accaduto oggi a Torino non ha precedenti nella storia del dopo guerra.
Posto di blocco sono stati organizzati in tutte le strade di uscita e di entrata della città in molte piazze anche della periferia e in vie centrali come via Roma.
Il servizio dei mezzi pubblici è stato praticamente messo in crisi per tutta la giornata mentre gravi incidenti si sono verificati in modo particolare in piazza Castello dove è stato preso di mira il Palazzo della Regione.
Nei posti di blocco alla periferia non si è visto alcun servizio da parte delle forze dell’ordine.
I mezzi della polizia dotati di getti d’acqua annunciati dal Ministro dell’Interno per liberare le strade da eventuali blocchi abusivi non sono stati utilizzati contrariamente a quanto accade in Val di Susa quando le Autorità lo ritengono necessario per stroncare atti di teppismo.
Le violenze di oggi hanno avuto come protagonisti i famigerati forconi coadiuvati da gruppi di estrema destra come Forza Nuova e CasaPound e giovani di Fratelli d’Italia addirittura arringati da un consigliere comunale salito sul balcone di Palazzo Civico.
L’Anpi esprime la più ferma condanna per quanto è accaduto e auspica maggiore attenzione da parte di tutti i cittadini e invita le Autorità a garantire l’agibilità democratica nella nostra città.
La Presidenza provinciale dell’Anpi

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano