11 C
Torino
venerdì, 24 Maggio 2024

L'agroalimentare piemontese conquista l’Inghilterra

Più letti

Nuova Società - sponsor
Giulia Zanotti
Giulia Zanotti
Giornalista dal 2012, muove i suoi primi passi nel mondo dell'informazione all'interno della redazione di Nuova Società. Laureata in Culture Moderne Comparate, con una tesi sul New Journalism americano. Direttore responsabile di Nuova Società dal 2020.

L’agroalimentare piemontese parla inglese. Sono infatti otto gli artigiani del settore che esporranno i loro prodotti a “Speciality & Fine Food Fair” in programma a Londra dal 7 al 9 settembre.
Un appuntamento importante per i produttori nostrani, provenienti da Torino e Cuneo, che avranno la possibilità di rapportarsi con i compratori di oltremanica alla ricerca di prodotti e bevande di alta qualità. «L’agroalimentare – ha spiegato l’assessore alle attività produttive del Piemonte Giuseppina De Santis – è per la nostra regione un settore strategico, per il quale la giunta sta lavorando relativamente all’ipotesi di introdurre una linea ‘made in”».
Infatti, come ha ricordato anche Giuseppe Donato, presidente di Ceipiemonte, la Gran Bretagna rappresenta un ottimo mercato per i prodotti agroalimentari italiani. «La partecipazione a questo appuntamento ci offre un canale in più per consolidare il nostro posizionamento in un Paese che per il Piemonte costituisce il terzo mercato di sbocco dopo Francia e Germania: nel 2013, infatti, abbiamo esportato più di 131 milioni di euro di prodotti, mentre è il secondo dopo la Germania per le bevande, per un valore nel 2013 di 234 milioni».

- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano