13.7 C
Torino
lunedì, 20 Maggio 2024

La Torino di Dario Argento

Più letti

Nuova Società - sponsor
Redazione
Redazione
Nuova Società nasce nel 1972 come quindicinale. Nel 1982 finisce la pubblicazione. Nel 2007 torna in edicola, fino al 2009, quando passa ad una prima versione online, per ritornare al cartaceo come mensile nel 2015. Dopo due anni diventa quotidiano online.

di Steve Della Casa

Dario Argento arrivò per la prima volta a Torino all’inizio degli anni Cinquanta. Era un bambino, figlio di un signore che si chiamava Salvatore Argento che lavorava nelle produzioni cinematografiche. Il padre se lo era portato in città perchè la madre di Dario (la famosa fotografa Luxardo) stava lavorando all’estero. Però Salvatore aveva molte cose da fare, e così disse al piccola Dario di aspettarlo in Albergo, che poi era il Grande Albergo Fiorina che oggi non c’è più e che all’epoca era il migliore di Torino, all’inizio di via Pietro Micca. Era inverno, fuori pioveva e tirava vento: un paesaggio davvero spettrale, in una Torino che portava ancora evidenti le tracce dei massicci bombardamenti che aveva dovuto subire durante il secondo conflitto mondiale che si era da poco concluso.

Dario ricorda: «Non ho mai avuto tanta paura in vita mia. Mi sembrava che quella pioggia e quella nebbia nascondessero chissà quali mostri e fantasmi, celati dietro le case bombardate. Quando sono diventato grande e ho avuto la possibilità di fare dei film, non ho mai avuto dubbi sul fatto che Torino sarebbe stata il posto ideale per dei film di terrore».

 

Trovate l’articolo integrale sul numero 9 del 15/9/2016 del mensile Nuovasocietà, in edicola e su abbonamento.

L'articolo di Steve della Casa sul numero di settembre del mensile nuovasocietà
L’articolo di Steve della Casa sul numero di settembre del mensile nuovasocietà
- Advertisement -Nuova Società - sponsor

Articoli correlati

Nuova Società - sponsor

Primo Piano